Dario Flaccovio

Dario Flaccovio e Marisa Dolcemascolo aprono una libreria nel 1972 in un quartiere allora periferico di Palermo. Intuiscono ben presto che il settore tecnico è la strada da percorrere, si specializzano in tale area differenziandosi dalle librerie generaliste di città e riscontrano subito un grande apprezzamento dalla clientela professionale. Pochi anni dopo, l'apertura di una nuova libreria determina il consolidamento dell'immagine di due librai attenti e generosi.

Nel 1980, con il primo libro pubblicato Tecniche costruttive e risparmio energetico, la casa editrice esordisce mostrando attenzione verso temi innovativi e ancora inesplorati. È così che si presenta al panorama editoriale italiano per la specificità e il coraggio della sua produzione. Pochi anni dopo, una rivoluzione irrompe nella vita di tutti: i PC diventano strumenti di lavoro economicamente accessibili e ben presto diventano insostituibili specie per i professionisti. Ma i software costano tanto. Ecco venir fuori la grinta di Dario che grazie alla collaborazione di Eugenio Rizzo, giovane architetto non geloso dei programmi da lui compilati, lancia il mitico 25 programmi di ingegneria che inaugura la collana Programmi in BASIC e  un nuovo prodotto editoriale, quello del libro con software allegato, che ben presto diverrà una "normalità"  nella produzione di tanti altri editori, tecnici e non. Nello stesso tempo la produzione editoriale si arricchisce di parecchi titoli nell'ambito della editoria varia mostrando la versatilità dell'editore e la sua capacità di individuare autori e titoli che raggiungono un gradevole successo negli ambiti più disparati.


Palermo, 1560. Tra l’antica città con le sue strade storiche, e le avventure corsare sul mare solcato da imponenti armate navali, si snoda l’affascinante vicenda raccontata nel libro di Luigi Natoli Il Capitan Terrore che vede incrociare i destini di Juan de la Cerda, vicerè di Sicilia, con Ludovico Sclafani e Galvano di Valverde da una parte, e dall’altra con donna Laura Serra e la cortigiana Mariquita le quali, inizialmente ignare l'una dell'altra, perseguono a proprio modo i favori del medesimo uomo.

È lui ad assumere l'identità di Capitan Terrore divenendo il flagello dei mari, nella convinzione che la passione, come la vendetta, non sia compiuta. Le storie tormentate non finiscono mai, alimentandosi della distanza come una specie di forza primordiale. La vendetta, ben più crudele, va ponderata in attesa del momento propizio. Tra figure di grande idealismo e personaggi marcatamente grotteschi, Luigi Natoli racconta una storia che stringe la mente del lettore in una morsa, fino allo scoccare dell'ultima parola, mentre la tensione monta, riga dopo riga, pagina dopo pagina, sino all'imponderabile.

€ 15,20 16
SCONTO DEL 5%

Dopo molti anni di assenza, torna un classico di Luigi NatoliLa principessa ladra. Palermo, 1797. Bellissima e sensuale, ambiziosa e cinica, caparbia e disposta a tutto pur di raggiungere i suoi obbiettivi, la vicenda della duchessa Flora di Canavilla si intreccia con quella di molteplici personaggi, tutti egualmente intensi. Chi però rappresenta il cardine e il collante dell'affascinante romanzo, è l'uomo mascherato, il bandito paladino dei diritti dei più indifesi, per il bene dei quali è disposto a qualsiasi sfida. La sua vera identità è il grande e costante enigma, mentre una fitta rete di situazioni, di delitti perpetrati per appropriarsi di beni altrui, di segregazioni e di violenze, di rapporti amorosi forti e contrastati si sussegue all'interno di una mirabile architettura narrativa sino a un finale non facilmente prevedibile.

Con la sua trascinante passionalità, la fervida penna di Luigi Natoli ci fa vivere con La principessa ladra fasti e brutture di un'epoca storica controversa, quella della dominazione borbonica, guidandoci tra luoghi classici di Palermo tutt'oggi esistenti e facilmente rivisitabili e lasciandoci il rammarico di aver raggiunto la fine di una lettura che si vorrebbe non finisse mai.

N/A 20
SCONTO DEL 5%

L'opera di Luigi Natoli I morti tornano, mai ripubblicata dopo il 1950, è ambientata nel 1800, durante l’epidemia di colera che flagella Palermo. Per tentare di sfuggire al contagio, due famiglie dai solidi principi religiosi e morali, almeno in apparenza, - quella di Giovanni e Rosalia, e quella di Andrea e Carlotta - si rifugiano a Mezzomonreale e si trovano a convivere nella stessa casa. Inevitabile fa capolino l'imprevisto: l'uomo dell'una insidia la donna dell'amico la quale, pur se riluttante, cederà alle lusinghe. La vendetta che ne scaturisce e l’aggrovigliarsi dei fili del destino danno corpo a una storia che travolge cose e persone in un susseguirsi di sentimenti e di situazioni appassionanti e sempre più intricati. Quando alla fine i tasselli della verità, come in un gioco di specchi, sembreranno ormai materializzarsi e comporsi, l’ultimo inesorabile colpo di scena spariglierà definitivamente tutto.

€ 14,25 15
SCONTO DEL 5%

NUOVA SEDE:
Vienici a trovare nel nostro nuovo spazio espositivo
Via dei Leoni, 71
90143 Palermo

Mappa su Google Maps