Diario a Bordo di un Tango (Remainders)

Diario a Bordo di un Tango (Remainders) di Ivan La Mantia

valuta questo libro


ISBN: 978-88-7676-498-1-Remainders
Edizione 2013, 110 PAGINE



€ 2    € 10

promozione: Remainders - Outlet Libri
risparmi: 8

Altri libri in OUTLET LIBRI
Io sono Caino (Remainders) di Davide Marchetta
L’invenzione del regno (Remainders) di Pasquale Hamel
Isolati si muore (Remainders) di Angelo Vecchio
Dizionario di materia medica omeopatica Vol.2 (Remainders) di Othon Andrè Julian
Il medico in cucina (Remainders) di Oscar Giacchi

 Soffia un Bandoneon tra il canto dei porteni...
e le danze e il mate...
e il tempo al passo di milonga triste 
che scorre verso bocche languide...
Melanconie!
 

Ivan La Mantia, come si evince dal suo Diario, ha vissuto, come un mareado, i crepuscoli e le notti di Buenos Aires con la sottile intensità derivata dal carattere provvisorio della sua permanenza. I suoi Tangueros e Milonguitas, personaggi apparentemente lontani dal suo mondo e dal suo tempo, forse non sono altro che il risveglio di un antico “morbo in due-quarti” contratto chissà quando e chissà perché. E, visto che un paio di zapàtos sono sempre nel bagagliaio perché non si può mai sapere, la Giuni la canterebbe così: Che i tuoi sogni o El Mirinda siano infiniti come le tue milonghe.

Ivan La Mantia

scheda biografica non disponibile

Diario a Bordo di un Tango di Ivan La Mantia

Ivan La Mantia

 Soffia un Bandoneon tra il canto dei porteni...
e le danze e il mate...
e il tempo al passo di milonga triste 
che scorre verso bocche languide...
Melanconie!

Ivan La Mantia, come si evince dal suo Diario, ha vissuto, come un mareado, i crepuscoli e le notti di Buenos Aires con la sottile intensità derivata dal carattere provvisorio della sua permanenza. I suoi Tangueros e Milonguitas, personaggi apparentemente lontani dal suo mondo e dal suo tempo, forse non sono altro che il risveglio di un antico “morbo in due-quarti” contratto chissà quando e chissà perché. E, visto che un paio di zapàtos sono sempre nel bagagliaio perché non si può mai sapere, la Giuni la canterebbe così: Che i tuoi sogni o El Mirinda siano infiniti come le tue milonghe.


NUOVA SEDE:
Vienici a trovare nel nostro nuovo spazio espositivo
Via dei Leoni, 71
90143 Palermo

Mappa su Google Maps

argomenti trattati in
Diario a Bordo di un Tango (Remainders)

Maggiori informazioni:

risolvi ogni tuo dubbio inviandoci una email: