Antonio Pizzuto - Salvatore Spinelli

Se il pubblico sapesse...

Lettere (1950 - 1963) con una lettera di Pizzuto a Federico Fellini
Se il pubblico sapesse... di Antonio Pizzuto

valuta questo libro


ISBN: 978-88-7676-216-1
Edizione 2003, 287 PAGINE

Editore: Nuova Ipsa Editore
Collana: Colapesce


€ 16,00   


Altri libri dello stesso argomento
Ho scritto un libro... di Antonio Pizzuto
NEL ROMANZO di Luciano Accomando
C'è molto di più - De Agostini di Marta Losito
Macelleria siciliana di Pascal Schembri
La memoria rende liberi di Enrico Mentana
La Fata Galanti di Giovanni Meli
Il Cuoco dell'Alcyon di Andrea Camilleri
L’erba nera della notte di Nonuccio Anselmo
I Florio di Vincenzo Prestigiacomo
Favuli morali di Giovanni Meli
Qui Vult? di Almanigra
L AVVENTURA DI DUE GARIBALDINI PER CASO di Salvatore Sutera
Il Capitan Terrore di Luigi Natoli
Follia maggiore di Alessandro Robecchi
I Florio - Regnanti senza corona - edizione Pocket di Vincenzo Prestigiacomo
E LA STAMPA.BELLEZZE! di Giusi Parisi
Morfo Blu Volume 2 di Laura Naselli
ME. Elthon John di Elton John
Il fuoco della vendetta di Wilbur Smith
Le canaglie di Angelo Carotenuto
Concessione del telefono - Sellerio di Andrea Camilleri
Gramsci di Pietro Maltese
Una gran voglia di vivere di Fabio Volo
Quantum - Mondadori di Patricia D. Cornwell
Fate il vostro gioco di Antonio Manzini
Riccardino - Sellerio di Andrea Camilleri
Morfo Blu Volume 1 di Laura Naselli
Quel che affidiamo al vento di Laura Imai Messina
La Buccolica di Giovanni Meli
Con gli occhi di Franca di Salvatore Requirez
Un cerchio nel buio di Antonio Ciravolo
Imperial 290 di Barbara Mileto
Il capestro di Angelo Vecchio
Amica geniale - E/O ed. di Elena Ferrante
Storia del nuovo cognome - Vol.2 di Elena Ferrante
Sulla strada di Jack Kerouac
Rizzagliata - Sellerio di Andrea Camilleri
Un posto intimo e bello di Alan Bradley
BARBERA di Giuseppe bagnati
Gli stivali di Varagnolo di Pippo Bonanno
Odiavo le poesie…oggi le curo di Salvatore Fausto Maria Terranova
Una ragazza per la notte di Corrado Augias
La figlia unica di Guadalupe Nettel
La vasca del Führer di Serena Dandini
Uomini in gonnella di Pascal Schembri
SOLDATINI RIBELLI di Maurizio Agnello
Quel panettone nel ventre di Palermo di Vincenzo Prestigiacomo
La Collezionista di Giuseppe Inzerillo
Tre omicidi prima della quarantena di Nicola Aiello
I morti tornano di Luigi Natoli
Minime Crome e altri racconti di Lucio Russo
Storia di chi fugge e di chi resta - E/O ed. di Elena Ferrante
Il Casellante di Andrea Camilleri
Un graffio della memoria di Giovanni Leone
Sono Dio, caspita! ...e lo sei anche tu! di Lise Bourbeau
Alina di Antonio Noto
La Lirica I di Giovanni Meli
Clinica del riposo & pace - SelLerio di Francesco Recami
Venti di Palermo di Salvo Ales
Palermo nel cuore di Pietro Scaglione
CAFFE AMARO di Simonetta Agnello Hornby
Il tempo dell'elefante di Leoluca Orlando
Il campo del vasaio  di Andrea Camilleri
Ncuntraiu lu mari di Maria Nivea Zagarella
Il copista come autore di Luciano Canfora
La corona di latta di Giacomo Giardina
Lucin, la prima indagine di P. G. Castoriadis
Antifascismo e Resistenza di Pompeo Colajanni
Finché il caffè è caldo / traduzione di Claudia Marseguerra di Toshikazu Kawaguchi
Piano nobile - Simonetta Agnello Hornby di Simonetta Agnello Hornby
La ricamatrice di Winchester / Tracy Chevalier / traduzione di Massimo Ortelio di Tracy Chevalier
Lo stufato e il forno di Ali Mustafà al-Misrati
Figlio del lupo - Mondadori di Romana Petri
L' inverno più nero : [un'indagine del commissario De Luca] / Carlo Lucarelli di Carlo Lucarelli
Con gli occhi di Sara di Davide Faraone
Una vita di giorni impossibili di  Tabitha Bird
Pueti comu a mia - poeti come me di Giuseppe Schiera
Il Segmento Aureo di Lorenzo Matassa
GLI STRATEGHI DEL MALE di IMD
Clemendor di Lorenzo Matassa
L'avvocato degli innocenti di John Grisham
Il segreto dell'anfora di Salvatore Requirez
Il Nobile di Cosa Nostra di Giovanni Leone
Dodici rose a settembre di Maurizio de Giovanni
Il principe irrequieto di Vincenzo Prestigiacomo
Cadere, volare di Clelia Lombardo
La danza del gabbiano di Andrea Camilleri
Florence - Baldini Castoldi di Stefania Auci
La luce ? l? - Agata Bazzi di Agata Bazzi
L'ultima leonessa di Costanza Afan De Rivera
Picciridda - Con i piedi nella sabbia di Catena Fiorello
Il Vurricatore di IMD
Gli alberi non hanno freddo di Linda Scaffidi
Oggi si vola di Aurelia Noto
Il sanguinaccio dell'Immacolata / Giuseppina Torregrossa di Giuseppina Torregrossa
La felicità è momentaneamente occupata di Letizia Gariglio
Omicidi infinitesimali di Carlo K. Bare
Il Cacciatore d'Arte di Vincenzo Prestigiacomo
Cinquanta in blu  di AA.VV.
'a Cursa di Giuseppe Pitrone
Isolati si muore di Angelo Vecchio
IL VURRICATORE di IMD
Ignazio Florio di Salvatore Requirez
Via delle Case Dipinte di Beatrice Monroy
La canzone del cavaliere di Ben Pastor
La principessa Tam Tam e il sedicente conte di Antonio Fiasconaro
La Favola Imbandita di Annarella A. Morejon
Il nipote del Negus di Andrea Camilleri
ANIMA DI POLVERE di Fabio Ceraulo
Un'isola da sogno di Mariangela Rocco
VENTO DI SCIROCCO di Salvatore Sutera
Tempo migliore della nostra vita - Bompiani di Antonio Scurati
Quando la notte baciava il giorno di Beppe Galasso
VERITA INGANNEVOLI di Maurizio Agnello
L'ombra di Nicola di Marco Cuccia
Misura del tempo - Einaudi di Gianrico Carofiglio
I sonnambuli di Hermann Broch
Mercato nero di Gian Mauro Costa
La città dell'elefante di mercedes auteri
Il naso lungo di Giovanni Occhipinti
A bocce ferme di Marco Malvaldi
Acquasanta di Barbara Ottaviani
La congiura dei loquaci di Gaetano Savatteri
Bersaglio bianco di Angelo Vecchio
La forma dell'acqua di Andrea Camilleri
La via più facile di Steven Amsterdam
Steel Danielle. Spettacolo - Sperling Kupfer di Danielle Steel
L'animale che mi porto dentro di Francesco Piccolo
La scoperta della currywurst di Uwe Timm
Renzo Arbore e la rivoluzione gentile di Vassily Sortino
Il vento non si arrende di Elisa Bedoni
Senza Nome di Giovanni Merenda
Cinque indagini romane per Rocco Schiavone di Antonio Manzini
Mio fratello rincorre i dinosauri : storia mia e di Giovanni che ha un cromosoma in più / Giacomo Mazzariol di Giacomo Mazzariol
La ragazza del Kyushu di Matsumoto Seicho
Storia della bambina perduta - E/O ed. di Elena Ferrante
L'ora senza voce. Primavera 2020 di Rita Saccone
I leoni di Sicilia. La saga dei Florio - Stefania Auci di Stefania Auci
Splendore del niente e altre storie - Sellerio di Maria Attanasio
Lo specchio delle stelle di Giovanna strano
AI CONFINI DELL INFERNO di IMD
La versione di Fenoglio / Gianrico Carofiglio di Gianrico Carofiglio
Il cane di terracotta  di Andrea Camilleri
Dante's Panties di Lotus G. Lotus
Chiaramonte di AA.VV.
Dal buio alla luce. La rinascita di Maria Concetta Messina
Scale mobili di Lina Maria Ugolini
Lina di Alfredo Ingegno
Vertigo di Fabio Ceraulo
Maternità negata di Alberto Jori
Don Chisciotti e Sanciu Panza di Giovanni Meli
Le stagioni del ramarro di Angelo Giambartino
La Principessa Ladra di Luigi Natoli
UNA FORMA E DUE SPECCHI di Kiran Sankharan
Totò, l'ultimo sipario di Giuseppe Bagnati
Di terra, di mare, di cielo di Barbara Cobianchi
Siculo Babbìo di Carlo Barbieri
L'arpa e l'ombra di Alejo Carpentier
Anche i prof hanno un cuore di Anna Antonini
L'uccello che ha dimenticato le sue piume di Ziyad 'Ali
La terra del caos di Vito Mercadante
Il mondo giovine di Salvatore Spinelli
Tredici pretesti per tredici racconti di Antonio Bassarelli
Io sono Caino di Davide Marchetta
Il compositore di laudi di Gigi Mancuso
Cambiare l'acqua ai fiori / Valérie Perrin / traduzione dal francese di Alberto Bracci Testasecca di Valerie Perrin
Il corso delle cose  di Andrea Camilleri
C'era una volta Vucciria di Giacomo Cimino
Sicilia del vino nell'800 di Rosario Lentini
Il bicchiere della staffa di Dominique Manotti
Il treno dei bambini di Viola Androne
La notte della svastica / Katharine Burdekin (Murray Costantine) / con una nota di Domenico Gallo / traduzione di Alfonso Geraci di Katharine Burdekin
Musica dai Saloni di AA.VV.
Il giudice e il suo boia di Friedrich Dürrenmatt
Serenate al chiaro di luna - allegato CD AUDIO di Maurizio Piscopo - Claudio Mazza
Il regalo della signora B. di Cinzia Milite
Strada di casa - NN editore di Kent Haruf
L'acqua e il sogno di Giovanni Occhipinti
È luntana la sira di Tania Fonte
Doctor sleep - Sperling di Stephen King
L'ultima notte del Rais di Yasmina Khadra
Il diavolo sul campanile di Aurelio Caruso
Sicilia Spagna di Gonzalo Álvarez Garcia
Ah l'amore l'amore - Sellerio di Antonio Manzini
Mi prendo il mondo ovunque sia di Letizia Battaglia
Gli anni in tasca di Antonino Pavone
Uomini e donne di Angelo Vecchio
Cerchi nell'acqua - Sellerio di Alessandro Robecchi
Come è stata la notte? di Giuseppe Lentini
Vagabunnu di la notti di Ermanno Mirabello
La città si sveglia fascista di Vincenzo Prestigiacomo
Natività di un sospetto di Bruna Pandolfo
Memorie gastronomiche della città perduta di Giancarlo Lo Sicco
ioGero e vi racconto storie di Gero Guagliardo
Il birraio di Preston  di Andrea Camilleri
Pio La Torre di Tommaso Baris
Il re di Girgenti  di Andrea Camilleri
Il virus è una molecola di Marcello Nicoletti
La giostra degli scambi di Andrea Camilleri
Il condominio di Ezio Trapani
Gli arancini di Montalbano di Andrea Camilleri
Delirio di Vincenzo De Lillo
Il giorno del sole nero di Claudio Alessandri
La vita e l'amuri di Salvatore Gaglio
La mafia del culo di Angelo Vecchio
Non avviarti mite di Salvo Ales
Il ladro di merendine  di Andrea Camilleri
Il metodo Catalanotti di Andrea Camilleri
Coriolano della Floresta di Luigi Natoli
Capitale sotto ghiaccio di Angelo Vecchio
Borghese Pelelgrino - Sellerio di Marco Malvaldi
Dalla strada al Ring di Pino Leto
Bludimetilene di Barbara Ottaviani
Morte d'autore a Palermo di Antonio Fiasconaro
L'invasione del Corona di Angelo Vecchio
La cappella di famiglia di Andrea Camilleri
InFame di Ambra Angiolini
Narratori della Libia Contemporanea di Laura Passavanti
Poesie Scelte di Alfred de Vigny
Metamorfosi di Ovidio
Imperatrice che sfidò gli dei - PIEMME di Santiago Posteguillo
Gran circo Taddei e altre storie di Vigata di Andrea Camilleri
Venere in burqa di Pascal Schembri
Giorni di Festa di Emanuele Lanzetta
Amaritudine di Letizia Gariglio
Vita mondana e Mano Nera nella Palermo della Belle Époque di Vincenzo Prestigiacomo
Era di maggio di Antonio Manzini
Fragile - Mondadori di Marco Van Basten
La costola di Adamo di Antonio Manzini
Infinito - Einaudi di Giacomo Leopardi
 7-7-2007 di Antonio Manzini
Giro di boa - Sellerio di Andrea Camilleri
Arte del dubbio - Sellerio di Gianrico Carofiglio
Il giusto peso dell'anima di Emilio Paolo Taormina
ACQUASANTA di Valentina Gebbia
Conosci l'estate?  di Simona Tanzini
Originato da una richiesta di aiuto ("Mondadori ti conosce?"), questo carteggio evolve con gli anni in ‘patto di mutuo soccorso’ fra due scrittori alla ricerca di una propria fisionomia (e di editori disposti a riconoscerla). Reclusi in carriere burocratiche che ne hanno depresso le giovanili ambizioni d’arte, Antonio Pizzuto e Salvatore Spinelli misurano nella dimensione libera e ‘irresponsabile’ dello scambio epistolare il pregio dei loro ‘essudati narrativi’ e la legittimità delle ragioni che li sottendono. Il reciproco riscontro, umoristicamente adibito dai "due scimmioni che, chiusi nel gabbione, occhi e culi arrossati, si levano di dosso le pulci vicendevolmente", sedimenta una disputa sul ‘romanzo’ tutta giocata su alternative ancor oggi irrisolte (l’istanza modernista e addirittura informale di Pizzuto, l’aplomb moderato e ‘figurativo’ di Spinelli) e sostenuta da un teatrino di frizzi e lazzi goliardici, di affabili perfidie, di ironiche prosopopee, di causidiche causeries in cui si riaccende la sicilitudine sepolta nel cinereo sussiego dell’‘ottimo funzionario’.

Ho scritto un libro... di Antonio Pizzuto

Antonio Pizzuto

Bebé, nomignolo familiare di Antonio Pizzuto, segna, nella prima parte di questo tenace epistolario (1929-1949) con Salvatore Spinelli, qui ricostruito con esem­plare cura da A. Pane, il tempo d’una fedele apparte­nenza all’amicizia, dalla quale prende consistenza un quadro intellettuale filtrato dalla città di Palermo (quella cara al Pitré e ad O. Lo Valvo) raccolta tra i due deva­stanti conflitti mondiali. Si mettono anche in luce gli affioramenti, le tensioni preparatorie della loro poetica. Il 1929 è l’anno in cui Pizzuto, allievo non indifferente agli insegnamenti di C. Guastella e sensibile alle lettere (il nonno materno era stato U. A. Amico), definisce l’opera non compresa da G. A. Borgese, Sinfonia. "Oc­corre guardare questa ’Sinfonia’ con occhio nuovo", scriveva, "perché essa non è sorta dal passato, ma sol­tanto dopo il passato [...].Ond’è che io non saprei ri­spondere alle domande «che cosa simboleggia?» se non con un «niente»".

Dal 1948 perviene, invece, il colloquio sui materiali letterari di Salvatore Spinelli (Totò), allievo di E. Donadoni, già pronti a definire l’affresco de Il mondo giovine. Due amici palermitani, laureati in giurisprudenza (Bebé, nel futuro, sarà questore, e Totò amministrativo degli Istituti Ospitalieri di Milano), sostanziati in una (sincretica) duplicità di estetiche: conflagrazione della parola, densità e dilatazione del frammento, introspe­zione e analisi per Pizzuto; discorso lungo e cromatico, erede degli affreschi ottocenteschi, perennemente mos­so dal flusso del tempo e della vita per Spinelli. La fluvialità narrativa di Totò, fortemente contrastante con la pagina pizzutiana, ci restituisce un autore, così come sottolinea Lucio Zinna nel denso saggio introduttivo, che "nel leggere i manoscritti di Pizzuto, si sente diso­rientato, trova (1948) ’cose grandi’ e ’cose meno gran­di’".
I loro rapporti epistolari dureranno ancora per altri due decenni, ma, come essi stessi ebbero a dichiarare: "Noi siamo due scrittori di opposte tendenze, ma ci vo­gliamo bene immensamente". Ma si sarebbe potuto af­fermare che la faccia (tonda e malinconicamente feli­ce) di Pizzuto ben poteva legarsi alla scrittura di Spinel­li; e, viceversa, il volto scavato, esistenziale di Totò po­teva nervosamente scorrere tra i fili intricati delle ’Bam­bole’, abitare le stanze d’uno scrittore che vestiva l’abito di poliziotto: "un modo come un altro", dirà egli stesso, "per guadagnarsi da vivere". 


Salvatore Spinelli (Palermo, 1892 - Arenzano, 1969), conseguita la laurea in Giurisprudenza, nel 1920 si trasferì a Milano dove fu per quarant’anni dirigente amministrativo dell’Ospedale Maggiore, concludendo la carriera con la carica di Segretario Generale. Al­l’Ospedale Maggiore dedicò un’opera storica (La Ca’ Granda, 1956 e 1958) e gli undici volumi biografici dei Benefattori. Fu anche consulente della Casa Ri­cordi e tradusse il Mussorgsky di M. G. Calvocoressi (1925). Pubblicò due libri di racconti  (L’accordo per­fetto, 1928; Musica in famiglia, 1969), due raccolte di aforismi (Antiarte e anticritica, 1947; Lo specchio per la bertuccia, 1954) e il romanzo-saga II mondo giovi­ne (1958).

Antonio Pizzuto (Palermo, 1893 - Roma 1976), cre­sciuto in una famiglia di tradizioni umanistiche, si laureò in Giurisprudenza e quindi in Filosofia. Nel 1918 intraprese a Palermo la carriera di poliziotto, proseguita (dal 1930) a Roma, con importanti incari­chi negli organismi della Polizia Internazionale (l’at­tuale Interpol), e conclusa nel 1949 ad Arezzo, con il grado di Questore. Dopo la pensione si consacrò alla scrittura, imponendosi come uno dei narratori più originali del Novecento. Fra le sue opere ricordiamo: Sul ponte di Avignone (1938 e 1985) Signorina Rosina (1956, 1959 e 1967); Si riparano bambole (I960 e 1973); II triciclo (1962 e 1966); Ravenna (1962); Paginette (1964 e 1972); Sinfonia (1966 e 1974); Testa­mento (1969); Pagelle I e II (1973 e 1975. Postume sono uscite: Ultime e Penultime (1978); Giunte e Vir­gole (1996); Cosi (1998) Rapiti e Rapier (1998); Spe­gnere le caldaie (1999). Recentemente sono apparsi gli epistolari con Giovanni Nencioni (1998), e con Gianfranco e Margaret Contini (2000).

Il mondo giovine € 24,00
Il mondo giovine di Salvatore Spinelli

Salvatore Spinelli

Dal 1881 alla vigilia della prima guerra mondiale, il romanzo narra le vicende di una famiglia, quella dell’ingegner Edmondo Zuelli che sposa Maria Lanzalone e ha due figli: Giannino (1884) e, dopo quasi nove anni, Silvio (1892) che viene seguito dal narratore, appunto, fino alla maggiore età che, nel suo caso, coincide con la vigilia della prima guerra mondiale.

Al racconto del formarsi e del crescere di questa famiglia, nucleo centrale della storia, il narratore intreccia le vicende degli altri numerosi personaggi. In primo luogo dei genitori degli sposi, l’architetto Liborio e la moglie Susanna Zuelli, che vivono a Palermo con i sette figli, e il proprietario terriero don Leoluca Lanzalone con la moglie Maddalena e i loro figli che vivono in un paese, mai nominato, ma che per le allusioni storiche e geografiche il lettore identifica agevolmente con Corleone.

Tra città e campagna, tra continuità e opposizione (non sempre, infatti, i due mondi si scontrano), il romanzo racconta le vicende di numerosi personaggi, dei figli degli uni e degli altri consuoceri in primo luogo, che spesso s’intrecciano ma a volte si accampano senza seguito. Si tratta, in prevalenza (a parte don Liborio, poco rappresentato, e don Leoluca, più visibile sulla scena) di vicende legate a giovani e alla loro crescita, alle loro speranze, ai loro giusti timori, aspettative, ideali, delusioni, dolori e fidanzamenti, rotture, matrimoni, nascite, battesimi e, molte volte, forse troppo spesso, a premature e inquietanti morti. Una sorta di magma familiare, al cui interno si confondono quelli che per il narratore sono gli elementi primordiali di ogni società: la giovinezza del mondo.

Guido Vergani definì Il mondo giovine «l’opera di un "chiarista" nella sottile lucentezza dei paesaggi e nell’approfondita tenerezza con la quale l’autore ha guardato ad un mondo assai meno amaro di quello di Pirandello e meno ironico di quello di Brancati, in una continua vibrazione stilistica che dà alla sua pagina effetti di rara trasparenza.»
Pizzuto ebbe la consapevolezza che il romanzo di Spinelli fosse un capolavoro.

Un romanzo a così alta tenuta narrativa, che non presenta cedimenti e che riesca a coinvolgere, ad avvincere il lettore, per centinaia di pagine, espressione di un ricco universo artistico e umano, non può finire nelle misteriose e bislacche secche della sommersione letteraria.

La presente ristampa, a poco meno di cinquanta anni e nella stesura che ebbe le ultime cure dell’autore, rende giustizia a uno scrittore riservato e di ampia apertura alare, recuperando un capolavoro alla letteratura nazionale ed europea.

Ho scritto un libro... di Antonio Pizzuto

Antonio Pizzuto

Bebé, nomignolo familiare di Antonio Pizzuto, segna, nella prima parte di questo tenace epistolario (1929-1949) con Salvatore Spinelli, qui ricostruito con esem­plare cura da A. Pane, il tempo d’una fedele apparte­nenza all’amicizia, dalla quale prende consistenza un quadro intellettuale filtrato dalla città di Palermo (quella cara al Pitré e ad O. Lo Valvo) raccolta tra i due deva­stanti conflitti mondiali. Si mettono anche in luce gli affioramenti, le tensioni preparatorie della loro poetica. Il 1929 è l’anno in cui Pizzuto, allievo non indifferente agli insegnamenti di C. Guastella e sensibile alle lettere (il nonno materno era stato U. A. Amico), definisce l’opera non compresa da G. A. Borgese, Sinfonia. "Oc­corre guardare questa ’Sinfonia’ con occhio nuovo", scriveva, "perché essa non è sorta dal passato, ma sol­tanto dopo il passato [...].Ond’è che io non saprei ri­spondere alle domande «che cosa simboleggia?» se non con un «niente»".

Dal 1948 perviene, invece, il colloquio sui materiali letterari di Salvatore Spinelli (Totò), allievo di E. Donadoni, già pronti a definire l’affresco de Il mondo giovine. Due amici palermitani, laureati in giurisprudenza (Bebé, nel futuro, sarà questore, e Totò amministrativo degli Istituti Ospitalieri di Milano), sostanziati in una (sincretica) duplicità di estetiche: conflagrazione della parola, densità e dilatazione del frammento, introspe­zione e analisi per Pizzuto; discorso lungo e cromatico, erede degli affreschi ottocenteschi, perennemente mos­so dal flusso del tempo e della vita per Spinelli. La fluvialità narrativa di Totò, fortemente contrastante con la pagina pizzutiana, ci restituisce un autore, così come sottolinea Lucio Zinna nel denso saggio introduttivo, che "nel leggere i manoscritti di Pizzuto, si sente diso­rientato, trova (1948) ’cose grandi’ e ’cose meno gran­di’".
I loro rapporti epistolari dureranno ancora per altri due decenni, ma, come essi stessi ebbero a dichiarare: "Noi siamo due scrittori di opposte tendenze, ma ci vo­gliamo bene immensamente". Ma si sarebbe potuto af­fermare che la faccia (tonda e malinconicamente feli­ce) di Pizzuto ben poteva legarsi alla scrittura di Spinel­li; e, viceversa, il volto scavato, esistenziale di Totò po­teva nervosamente scorrere tra i fili intricati delle ’Bam­bole’, abitare le stanze d’uno scrittore che vestiva l’abito di poliziotto: "un modo come un altro", dirà egli stesso, "per guadagnarsi da vivere". 


Salvatore Spinelli (Palermo, 1892 - Arenzano, 1969), conseguita la laurea in Giurisprudenza, nel 1920 si trasferì a Milano dove fu per quarant’anni dirigente amministrativo dell’Ospedale Maggiore, concludendo la carriera con la carica di Segretario Generale. Al­l’Ospedale Maggiore dedicò un’opera storica (La Ca’ Granda, 1956 e 1958) e gli undici volumi biografici dei Benefattori. Fu anche consulente della Casa Ri­cordi e tradusse il Mussorgsky di M. G. Calvocoressi (1925). Pubblicò due libri di racconti  (L’accordo per­fetto, 1928; Musica in famiglia, 1969), due raccolte di aforismi (Antiarte e anticritica, 1947; Lo specchio per la bertuccia, 1954) e il romanzo-saga II mondo giovi­ne (1958).

Antonio Pizzuto (Palermo, 1893 - Roma 1976), cre­sciuto in una famiglia di tradizioni umanistiche, si laureò in Giurisprudenza e quindi in Filosofia. Nel 1918 intraprese a Palermo la carriera di poliziotto, proseguita (dal 1930) a Roma, con importanti incari­chi negli organismi della Polizia Internazionale (l’at­tuale Interpol), e conclusa nel 1949 ad Arezzo, con il grado di Questore. Dopo la pensione si consacrò alla scrittura, imponendosi come uno dei narratori più originali del Novecento. Fra le sue opere ricordiamo: Sul ponte di Avignone (1938 e 1985) Signorina Rosina (1956, 1959 e 1967); Si riparano bambole (I960 e 1973); II triciclo (1962 e 1966); Ravenna (1962); Paginette (1964 e 1972); Sinfonia (1966 e 1974); Testa­mento (1969); Pagelle I e II (1973 e 1975. Postume sono uscite: Ultime e Penultime (1978); Giunte e Vir­gole (1996); Cosi (1998) Rapiti e Rapier (1998); Spe­gnere le caldaie (1999). Recentemente sono apparsi gli epistolari con Giovanni Nencioni (1998), e con Gianfranco e Margaret Contini (2000).


argomenti trattati in
Se il pubblico sapesse...

Maggiori informazioni:

risolvi ogni tuo dubbio inviandoci una email:


NUOVI METODI DI PAGAMENTO

Apple Pay
paga con il tuo dispositivo Apple tramite il sistema di pagamento sicuro Apple Pay
pagamento con carta di credito apple pay


Carte di Credito
Paga direttamente con la tua carta di credito preferita in modo sicuro e veloce
pagamento con carta di credito visa, amex, mastercard, american express


CARTA DEL DOCENTE seleziona la voce cartadocente come metodo di pagamento e inserisci il codice del buono