Ivan Chillemi - Maria Angela D’Agostaro - Matteo Zito

Le voci del sentire

Le voci del sentire di Ivan Chillemi

valuta questo libro


ISBN: 978-88-7676-430-1
Edizione 2010, 117 PAGINE

Editore: Nuova Ipsa Editore
Collana: Colapesce


€ 4,25    € 5

sconto del 15%
risparmi: 0,75

Altri libri dello stesso argomento
Quando la notte baciava il giorno di Beppe Galasso
Vuoto a perdere di Giovanni Monti
Sicilia Spagna di Gonzalo Álvarez Garcia
Vagabunnu di la notti di Ermanno Mirabello
La corona di latta di Giacomo Giardina
La Poesia è “il linguaggio che canta”. Canta, anche quando la disperazione, l’angoscia, l’ansia ne turbano le note, perché essa reca sempre con sé un’intelligenza profonda, una “ragione” basata sull’istinto, sulla sensibilità, sul desiderio appassionato di “esserci”.
Quale dimensione e qualità generata dallo spirito che individua nella nostra esistenza, quello strano alchemico impasto d’eternità e quotidianità, la Poesia, incontrastata protagonista, veste il colore del tempo, ovvero quella particolare sfumatura che sa offrirci un soffio d’attualità.
Le voci del sentire (Remainders) di Ivan Chillemi

Ivan Chillemi

La Poesia è “il linguaggio che canta”. Canta, anche quando la disperazione, l’angoscia, l’ansia ne turbano le note, perché essa reca sempre con sé un’intelligenza profonda, una “ragione” basata sull’istinto, sulla sensibilità, sul desiderio appassionato di “esserci”.
Quale dimensione e qualità generata dallo spirito che individua nella nostra esistenza, quello strano alchemico impasto d’eternità e quotidianità, la Poesia, incontrastata protagonista, veste il colore del tempo, ovvero quella particolare sfumatura che sa offrirci un soffio d’attualità.

Le voci del sentire (Remainders) di Ivan Chillemi

Ivan Chillemi

La Poesia è “il linguaggio che canta”. Canta, anche quando la disperazione, l’angoscia, l’ansia ne turbano le note, perché essa reca sempre con sé un’intelligenza profonda, una “ragione” basata sull’istinto, sulla sensibilità, sul desiderio appassionato di “esserci”.
Quale dimensione e qualità generata dallo spirito che individua nella nostra esistenza, quello strano alchemico impasto d’eternità e quotidianità, la Poesia, incontrastata protagonista, veste il colore del tempo, ovvero quella particolare sfumatura che sa offrirci un soffio d’attualità.

Le voci del sentire (Remainders) di Ivan Chillemi

Ivan Chillemi

La Poesia è “il linguaggio che canta”. Canta, anche quando la disperazione, l’angoscia, l’ansia ne turbano le note, perché essa reca sempre con sé un’intelligenza profonda, una “ragione” basata sull’istinto, sulla sensibilità, sul desiderio appassionato di “esserci”.
Quale dimensione e qualità generata dallo spirito che individua nella nostra esistenza, quello strano alchemico impasto d’eternità e quotidianità, la Poesia, incontrastata protagonista, veste il colore del tempo, ovvero quella particolare sfumatura che sa offrirci un soffio d’attualità.


NUOVA SEDE:
Vienici a trovare nel nostro nuovo spazio espositivo
Via dei Leoni, 71
90143 Palermo

Mappa su Google Maps

argomenti trattati in
Le voci del sentire

Maggiori informazioni:

risolvi ogni tuo dubbio inviandoci una email: