Angelo Tramontano

Storie surreali ma realmente Accadute

Storie surreali ma realmente Accadute di Angelo Tramontano

valuta questo libro


ISBN: 978-88-7676-262-8
Edizione 2005, 98 PAGINE

Editore: Nuova Ipsa Editore
Collana: Saggi


€ 8,50    € 10

sconto del 15%
risparmi: 1,50

Le vicende di «mala sanità», ricostruite in questo libro, costituiscono una importante testimonianza di memorialistica «civile».
L’autore, il valente ostetrico-ginecologo prof. Angelo Tramontano, fornisce un notevole contributo – in termini sia di ricostruzione fattuale, sia di denuncia etico-politica – al disvelamento delle perverse prassi collusive che hanno tradizionalmente in Sicilia condizionato l’assegnazione dei primariati ospedalieri. È ciò sino al punto di indurre ad architettare trame, macchinazioni e congiure – non di rado sfocianti addirittura in indagini e processi penali affrettatamente avviati da una magistratura non sempre attenta e scrupolosa dal punto di vista della professionalità e del sereno equilibrio – ai danni di chi, come il prof. Tramontano, non è disposto a sottomettersi alle consorterie di potere (che vedono in combutta uomini politici, amministratori locali, mafiosi e medici di mediocri capacità aspiranti agli ambitissimi posti di primario), e ha l’imperdonabile torto di vantare una competenza tecnico-scientifica di alto livello (maturata anche attraverso periodi di perfezionamento all’estero).

Il libro è molto istruttivo anche per il fatto che, purtroppo, la tentazione politico-mafiosa di orientare la assegnazione dei primariati ospedalieri non è un capitolo ormai chiuso nella storia della sanità in Sicilia. Come recenti indagini giudiziarie dimostrano, questa patologica tendenza non solo perdura, ma forse si è aggravata ai nostri giorni coinvolgendo financo personaggi di vertice delle istituzioni.

La appassionata denuncia di Angelo Tramontano mantiene, dunque, un valore di attualità; ed è questo motivo non secondario che rende ancora più prezioso il suo impegno ricostruttivo, e che come lettori ci obbliga a essergli moralmente riconoscenti.

Maggiori informazioni:

risolvi ogni tuo dubbio inviandoci una email: