Christian Boiron

Il futuro dell’omeopatia

Il futuro dell’omeopatia di Christian Boiron

valuta questo libro


ISBN: 978-88-481-1750-0
Edizione 2004, 136 PAGINE

Editore: Tecniche Nuove



€ 13,21    € 13,9

sconto del 5%
risparmi: 0,69
solo 1 copie disponibili in magazzino.

Altri libri dello stesso argomento
Indicazioni cliniche dei più comuni rimedi omeopatici  di M.L.Tyler
Il trattamento omeopatico di influenza e polmonite di Douglas Borland
Saggio critico sulle malattie croniche di Samuel Hahnemann di Salvatore Coco
Il genio dell’omeopatia di Stuart Close
Introduzione alla tavola periodica degli elementi  di Emma Pistelli
150.000 medici omeopati nel mondo e 450 milioni di consumatori che vi fanno ricorso ogni giorno sono la dimostrazione che l’omeopatia è ormai una realtà medica e sociale. Ma è anche al centro di una polemica ricorrente a livello medico e scientifico e rappresenta una vera e propria scommessa di tipo politico ed economico dal punto di vista del Sistema Sanitario. Approvata a larga maggioranza dal pubblico e da molti medici, rimane esclusa dall’universo degli ospedali universitari e la sua modalità d’azione è tuttora priva di spiegazione. Allora, qual è il suo futuro? Il suo destino? In questo libro Christian Boiron privilegia l’integrazione dell’omeopatia all’interno della medicina in tutte le sue dimensioni: scientifica, ospedaliera, universitaria. E questo allo scopo di offrire al malato le migliori possibilità di guarigione. Ci descrive questo cammino senza compromessi, lungi da qualsiasi trionfalismo e da qualsiasi settarismo: «La mia fiducia nell’importanza attuale e potenziale dell’omeopatia mi permette di rivelarne le debolezze ed i limiti. Come l’allopatia, deve valutarsi, rimettersi in discussione ed evolversi continuamente per progredire al servizio dei malati e delle malattie.» 

NUOVA SEDE:
Vienici a trovare nel nostro nuovo spazio espositivo
Via dei Leoni, 71
90143 Palermo

Mappa su Google Maps

argomenti trattati in
Il futuro dell’omeopatia

Maggiori informazioni:

risolvi ogni tuo dubbio inviandoci una email: