Jung e lo sciamanesimo

L'anima fra psicanalisi e sciamanesimo
Jung e lo sciamanesimo di C. Michael Smith

valuta questo libro


ISBN: 978-88-96865-63-7
Edizione 2016, 304 PAGINE

Editore: Amrita Edizioni



€ 15,60    € 19,5

sconto del 20%
risparmi: 3,90
solo 1 copie disponibili in magazzino.

Molti conoscitori di Jung lo chiamavano “sciamano”, ma nessuno ha mai osato dirlo ad alta voce. Lo fa C. Michael Smith, grande specialista di Jung e di sciamanesimo, in questo libro che esplora differenze e affinità tra sciamanesimo e psicologia junghiana, entrambi radicati in un modo di vivere incentrato nel cuore, ed entrambi dotati di intricate “mappe” del territorio psichico umano.

Avventurarci in questo libro significa incontrare iniziazioni sciamaniche, dissociazioni, disperazione, perdita dell’anima, ma anche il potere terapeutico dei riti, dell’estasi e di altri stati alterati di coscienza. Significa scoprire cose che non sappiamo sul ruolo dei talismani e degli amuleti, sui vari livelli dell’inconscio collettivo, come questi fenomeni interagiscano con gli archetipi e le attività immaginative, e come, soprattutto, di tutto questo possa oggi avvalersi la psicoterapia. Perché alla fine, scrive l’Autore, la cosa essenziale è sempre la persona, più ancora di queste tecniche, per quanto potenti e affascinanti: la persona che le vive, la sua capacità di viverle dal cuore, in armonia con la natura e la terra, base comune di Jung e dello sciamanesimo.

 

INDICE

Prefazione alla seconda edizione         
Introduzione         
Piano e organizzazione dell’opera         

Parte I    Lo sciamanesimo          
            
Cap.    1    Lo sciamanesimo classico: una panoramica         
        Definizioni         
        Lo sciamanesimo classico         
        I metodi di reclutamento         
        Sciamanesimo: cosmologia e religione         
        Immaginario cosmologico: interiorizzare il mito per farne una mappa e una guida         
        L’albero magico e l’axis mundi        
        La visione sciamanica della malattia         
        Le immagini come causa e cura della malattia         
        L’uso delle immagini nella concezione della malattia e delle cure presso i Cherokee         
        La specializzazione sciamanica         
        Gli sciamani sono pazzi? Lo sciamanesimo e la psicopatologia         
        Le prove iniziatiche         
        Le relazioni con gli spiriti e il controllo sciamanico         
        Funzioni e tecniche dell’estasi         
        Le funzioni sciamaniche minori         
        I parafernalia sciamanici         
        Lo sciamanesimo nel Nord America         
        Intrusioni di oggetti e intrusioni di spiriti         
        La perdita d’anima: diagnosi e cura         
        Altri aspetti dello sciamanesimo nord-americano         

Cap.    2    Il tecnico del sacro         
        Lo sciamanesimo e il sacro         
        L’animismo         
        Rudolf Otto: il sacro nei suoi aspetti non razionali         
        Il mistero         
        La fascinazione         
        La soggezione: la componente orrorifica-repellente         
        La natura ambivalente del sacro         
        L’espressione del numen         
        Il concetto del sacro di Van der Leeuw         
        Il sacro come potere         
        Lo sciamanesimo, la guarigione e il potere         
        Gli oggetti, il potere e lo sciamanesimo         
        I tabù e il potere         
        Eliade: il sacro come ontologia arcaica         
        La nostalgia del sacro         
        Gli archetipi celesti         
        Il prestigio del centro e l’axis mundi         
        La ripetizione         
        Il sacro e il processo rituale         
        Lo spazio sacro e la trasformazione rituale         
        Il processo di trasformazione e la leadership rituale         
            
Parte II    Jung e lo sciamanesimo          
            
Cap.    3    Jung, il guaritore ferito         
        Gli elementi sciamanici nella vita di Jung         
        L’infanzia di Jung: la ferita di un guaritore         
        Tarda infanzia e adolescenza: la ferita diventa più profonda         
        Gli anni di apprendistato         
        Padre Freud         
        Separazione e perdita d’anima         
        Gli anziani e la tribù di Jung         
        La discesa: il viaggio e gli spiriti guida         
        Le visioni dei morti         
        L’anima: la guarigione dell’anima nella mezza età         
        Scoprire lo scopo e tornare con il dono         
        Jung era uno sciamano?         

Cap.    4    La teoria dell’anima di Jung         
        Paragoni e contrapposizioni con lo sciamanesimo         
        Gli strati ancestrali e arcaici dell’anima         
        Gli archetipi         
        Archetipo e numinosità         
        I numi: le posizioni dello sciamanesimo e della psicologia junghiana         
        L’individuazione e le prospettive religiose         
        L’individuazione e le società tribali         
        L’archetipo del Sé (l’axis mundi interiore)         
        I mandala: immagini del Sé come axis mundi         
        I complessi: i “piccoli demoni”         
        Portare i complessi alla coscienza ed esorcismo sciamanico         
        Tipi di complessi         
        Qual è la condizione degli spiriti guida nella visione sciamanica?         
        La connessione tra sé diversi nella visione sciamanica         

Cap.    5    L’interpretazione dello sciamanesimo nel pensiero di Jung         
        Lo sciamanesimo come precursore della psicologia analitica di Jung         
        Jung, l’alchimia e lo sciamanesimo         
        La pietra come oggetto sacro         
        L’albero alchemico e l’albero magico dello sciamano come simbolo dell’archetipo del Sé         
        Il Sé dello sciamano e il simbolismo del processo d’individuazione         
        Il simbolo della Sposa Celeste e l’anima sciamanica         
        Lo sciamano e l’individuazione arcaica         
        La trasformazione sciamanica e l’archetipo dell’Eroe         
        L’iniziazione sciamanica: la trasformazione         
        Lo sciamano: l’imbroglione         
        Lo sciamano come mutaforma/mediatore epistemologico         
        Lo sciamano come guaritore ferito e salvatore (Soter)         
        Jung sulla perdita d’anima, sulla possessione e sui riti esorcistici         
        La trasformazione rituale e psicologica         
        La struttura archetipica sostanziale dello sciamanesimo         
            
Parte III    Implicazioni e applicazioni          
            
        Introduzione alla terza parte         
        La dissociazione, la perdita dell’anima e il suo recupero         
            
Cap.    6    Dissociazione, possessione e perdita dell’anima: le odierne applicazioni cliniche e teoriche         
        Il disturbo dissociativo dell’identità (disturbo di personalità multipla)         
        Che cos’è una personalità multipla?         
        Origini della molteplicità         
        La terapia dei disturbi dissociativi oggi         
        Le risorse sciamaniche nel trattamento della patologia dissociativa oggi         
        Perdita d’anima e dissociazione nella prospettiva junghiana    
        Alcuni limiti della prospettiva junghiana         
        Alter nocivi, possessione ed esorcismi         
        La prospettiva junghiana sulla possessione e sull’esorcismo rituale         

Cap.    7    Il potere del rito, dell’immagine e dell’archetipo di operare una profonda trasformazione psicologica e spirituale         
        I riti di pubertà maschile e la trasformazione rituale         
        Il rituale e il cervello         
        La trasformazione rituale e l’immagine del mondo (la mappa cognitiva)         
        L’immagine rituale e l’asimmetria del cervello         
        Il cervello rettiliano e l’inconscio collettivo nel rito         
        La prospettiva junghiana: riconciliarsi con la Persona interiore esistente da due milioni di anni         
        L’archetipo del mago, il rito e la neurobiologia         

Cap.    8    Implicazioni per il futuro         
        Verso uno sciamanesimo postmoderno         
        La perdita del senso del sacro         
        La diagnosi sciamanica della cultura occidentale: la perdita del sacro         
        La funzione del mito e della religione         
        L’uso del mito dell’eroe e del rituale di guarigione da parte dei Navajo         
        Comparazioni tra l’uso delle immagini nei Navajo e nella psicologia junghiana         
        La risposta di Jung alla perdita del senso del sacro         
            
Bibliografia         
Ringraziamenti  

C. Michael Smith

C. Michael Smith è americano, psicologo clinico allievo di Paul Ricoeur e grande specialista di Jung e di sciamanesimo, nonché di antropologia medica.


argomenti trattati in
Jung e lo sciamanesimo

Maggiori informazioni:

risolvi ogni tuo dubbio inviandoci una email: