Gli estranei di Victor Matteucci

Gli estranei

Underclass e identità borderline
ISBN: 9788876767838
Edizione 2021, 312 PAGINE

Editore: Nuova Ipsa Editore
Collana: Saggi


€ 20,90    € 22,00

sconto del 5%
risparmi: 1,10

valuta questo libro

1 voti registati.
punteggio totale: 5 stelle
media: 5 stelle in una scala da 1 a 5

Descrizione

Viviamo in un tempo in cui le ideologie politiche sono morte. L’unica ideologia per tutti è il consumismo.

Il popolo è stato ridotto a pubblico dello spettacolo o a utente dei servizi. Nel Medioevo atomico le mura sono immateriali e gli accessi dipendono dalle informazioni.

Fuori delle mura ci sono gli altri; una massa di esclusi, di precari, di estranei che cresce e che avanza. Ci sentiamo minacciati.

Noi aumentiamo le distanze ma loro tirano i sassi dal cavalcavia, colpiscono a caso tra la folla inerme, aggrediscono le donne nelle famiglie e gli anziani isolati. Sono individui precari, pericolosi e imprevedibili che sopravvivono di espedienti ai bordi del consumismo, pronti a esplodere, con assoluta casualità e al minimo pretesto, la loro rabbia.

Noi alziamo quotidianamente le nostre difese per avere più sicurezza. Ma sembra inutile. Abbiamo paura. La Società dei consumi continua a togliere la terra sotto i piedi degli estranei e a escluderli, ma loro non arretrano e si accalcano su barconi fatiscenti per raggiungerci via mare o si nascondono nelle periferie, ormai divenute terre di nessuno. Siamo in pericolo.

La globalizzazione, alla fine, ha prodotto l’apartheid.

 

 

 

“Tutti i capitoli del libro di Victor Matteucci contengono le domande necessarie e obbligatorie per risolvere i problemi colossali di coloro che sono esclusi, che vendono la loro forza lavoro per sopravvivere fuggendo da sistemi economici e politici aberranti, che sono fuggiti da guerre, carestie, miseria, ingiustizia che regnano nel mondo sottosviluppato. Dobbiamo smetterla con gli eufemismi: sì, c'è un mondo che è profondamente, in modo atroce, sottosviluppato e assurdamente sostenuto dalle più grandi potenze”.

Rita El Khayat

 

“Il libro di Victor Matteucci ha il merito di ridestarci dal sonno; di richiamarci a una visione più realistica, di farci guardare intorno e scoprire che sotto le bandiere su cui sono scritte le grandi parole di cui da due secoli ci ubriachiamo, liberté égalité fraternité, sussiste una realtà sociale lacerata e negata, nella quale, di fatto, una consistente percentuale di uomini e donne vive praticamente esclusa, avendo perduto la propria identità, senza diritti garantiti, esposta alla precarietà, all'isolamento, spesso alla persecuzione e alla miseria.

L'andatura veloce e coinvolgente del testo non lascerà il lettore tranquillo…. che non potrà non condividere il giudizio d'assieme e la passione morale dello scrittore, che conosce l'argomento e lo vive con partecipazione. Il libro comunica un pathos che non può lasciare indifferenti e suggerisce non solo un bisogno di conoscenza, ma anche un impegno operativo in tutte le sedi di responsabilità sociale”.

Mauro Laeng

 

“C’è un afflusso inevitabile dal sud del mondo; come trasformare questi flussi in elementi di sviluppo e di opportunità per tutti? Io credo che qui la sinistra attuale sconti una carenza di analisi in relazione a una visione generale dei problemi. Se siamo contro ogni forma di razzismo, dobbiamo lavorare sul terreno delle integrazioni e ricercare risposte reali e adeguate nella direzione di una multiculturalità che mi sembra un approdo irrinunciabile. Non si può mediare sui valori, sui principi. Una società multiculturale è senza dubbio dal punto di vista della produttività sociale più ricca e avanzata e, dunque, è un patrimonio socio-culturale, un progetto di società che la sinistra non solo deve difendere, ma anzi che deve rivendicare. Questo patrimonio, tuttavia, questa progettualità teorica, oltre che un valore, deve diventare una risorsa reale e la politica deve avere questa funzione di trasportare a terra, nella pratica, i valori e principi in cui si crede e a cui ci si ispira. Solo in questo modo si potrà revocare la tendenza o, quantomeno, limitare il processo di esclusione e di alienazione che riguarda ormai grandi masse di cittadini”.

Alberto Franceschini

 

Autore

Victor Matteucci

Victor Matteucci – Caracas 14/07/1959 - è project manager senior per la Cooperazione Internazionale e Presidente della ONG  MEDITER con sede a Bruxelles.

Si occupa da oltre 20 anni della progettazione e gestione di programmi di sostegno e inclusione sociale finanziati dalla Commissione europea a sostegno delle popolazioni vulnerabili e delle dinamiche di Genere nel Mediterraneo e in Medio Oriente, con particolare attenzione alle aree e ai Paesi di post-conflitto.

Per conto della Commissione Europea ha gestito e gestisce, dal 2009 a oggi, programmi di aiuto e cooperazione esterna (DEVCO) in Iraq, Libano, Tunisia e Marocco.

È autore di vari saggi e inchieste, fra cui: “Terranova, dalla disobbedienza alla rivolta” con Ernesto  Balducci (saggio), 1988; “Il suicidio Fabrizi” (libro d’inchiesta), 1997; “Abruzzo Isola felice” (libro d’inchiesta), 1993; “Pescara da mangiare” (libro d’inchiesta), 1955; “Il delitto Alinovi e il caso Ciancabilla” (libro d’inchiesta), 2019.

argomenti trattati

Altri libri dello stesso argomento
Guerra alla pace di /immagini/libri/COVER_Guerra-alla-pace.jpg
Non dimenticare i morti di /immagini/libri/Despert_non_dimenticare_i_morti.jpg
Principi di Roboetica di /immagini/libri/alberto-jori-Principi-di-roboetica-filosofia-pratica-intelligenza-artificiale.jpg
Governo Globale di /immagini/libri/arianna_governo_globale.jpg
Calciopop  di /immagini/libri/Calciopop.jpg
400 Anni d'Inganni di /immagini/libri/400-anni-d-inganni-libro-64716.jpg
Storia universale della Stupidità di /immagini/libri/storia-universale-della-stupidita-nuovaipsa.jpg

SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI SUPERIORI AI 39 EURO

Maggiori informazioni:

risolvi ogni tuo dubbio inviandoci una email: