Le vaccinazioni di massa

Prevenzione, diagnosi e terapia dei danni
Le vaccinazioni di massa di Roberto Gava

valuta questo libro


ISBN: 9788866730156
Edizione 2013, 416 PAGINE



€ 21,17    € 24,9

sconto del 15%
risparmi: 3,73
solo 2 copie disponibili in magazzino.

I genitori che si chiedono se è veramente utile vaccinare i propri figli hanno difficoltà nel trovare informazioni esaurienti e obiettive, perché molto spesso non ritengono soddisfacente la comunicazione offerta dai Servizi Vaccinali delle ASL.
Infatti, è prassi comune:
- non informare che le vaccinazioni obbligatorie per Legge sono solo 4 (mentre si propone l’Esavalente che contiene 6 vaccini);
- negare i rischi gravi e sottovalutare la frequenza delle reazioni avverse;
- non dare notizia dell’esistenza di una Legge che riconosce un indennizzo ai danneggiati da vaccino;
- non ricordare che nel Veneto le vaccinazioni pediatriche non sono più obbligatorie e in molte Regioni il rifiuto a vaccinare è depenalizzato.

Molti genitori e operatori sanitari si chiedono se le patologie allergiche, autoimmunitarie, neurologiche e comportamentali, che in questi ultimi anni sono in costante aumento, abbiano un nesso e un rapporto di causalità con la pratica delle vaccinazioni di massa.

Negli USA si stima che 1 bambino su 6 presenti difficoltà di apprendimento, 1 su 9 asma bronchiale, 1 su 10 ADHD (sindrome da deficit di attenzione con iperattività), 1 su 88 comportamenti autistici, 1 su 450 diabete mellito insulino-dipendente.

In Italia non abbiamo nemmeno dati ufficiali: i danni da vaccini sono sottostimati e addirittura negati, mentre sono in netta crescita le denunce dei genitori che attribuiscono le patologie invalidanti dei loro figli ai vaccini eseguiti nei primi due anni di vita.

In controtendenza rispetto alle normative europee, nel nostro Paese permane l’obbligo vaccinale e l’offerta di nuovi vaccini è in costante aumento, nonostante la totale assenza di studi scientifici a lungo termine indipendenti dall’Industria Farmaceutica che dimostrino sia l’utilità sia l’innocuità di queste vaccinazioni nei Paesi industrializzati.

Scopo del libro è fornire una riflessione scientifica critica sulla pratica delle vaccinazioni di massa e diffondere un’informazione aggiornata e indipendente sul rapporto rischio-beneficio dei vaccini pediatrici, sulle indagini diagnostiche, su alcune tecniche terapeutiche dei danni vaccinali e sulle possibilità di un intervento medico-legale.

Chiudono il libro una decina di toccanti testimonianze di genitori che sono stati danneggiati dai vaccini nei loro figli.


Con il contributo scientifico e professionale di: Moira Andreani, Federico Balzola, Massimo Borghese, Saverio Crea, Ferdinando Donolato, Nadia Gatti, Giampaolo Giacomini, Susanna Mazzucchelli, Dario Miedico, Gabriele Milani, Stefano Montanari, Fabrizio Niglio, Nadia Picariello, Maurizio Proietti, Eugenio Serravalle, Claudio Simion, Paola Tataseo, Roberto Vecchione, Luca Ventaloro, Franco Verzella, Giulio Viganò, Associazione Vaccinare Informati, Coordinamento del Movimento Italiano per la Libertà di Vaccinazione (Comilva), Coordinamento Regionale Veneto per la Libertà delle Vaccinazioni (Corvelva), Coordinamento Nazionale Danneggiati da Vaccino (Condav).

Roberto Gava

Il Dr. Roberto Gava si è laureato in Medicina e Chirurgia all'Università di Padova, si è specializzato in Cardiologia, Farmacologia Clinica e Tossicologia Medica, per poi perfezionarsi in Agopuntura Cinese, Omeopatia Classica, Bioetica e Ipnosi Medica. 
Dopo aver lavorato più di 10 anni in ambiente universito ed aver scritto due libri di Farmacologia e numerose pubblicazioni scientifiche, essendosi convinto che il compito di un medico sia quello di scegliere di volta in volta la tecnica teraputica più appropriata, da circa vent'anni studia gli approcci medici non convenzionali rivedendoli anche in base alle nuove conoscenze scientifiche.
Ogni paziente infatti ha la sua storia e la sua individualità, di conseguenza il medico non può non considerare l'unicità e l'unitarietà della persona che ha davanti.

Le Vaccinazioni Pediatriche - IV Edizione di Roberto Gava

Roberto Gava

Un farmacologo tossicologo, descrivendo e commentando più di 2.200 studi scientifici, fa il punto sulle conoscenze scientifiche in campo vaccinale, sull'utilizzo personalizzato dei vaccini e sul loro rapporto rischio/beneficio alla luce delle attuali condizioni socio-sanitarie e ambientali

 

Le vaccinazioni pediatriche, da molti anni, sono un argomento di salute pubblica molto discusso a livello mondiale, non solo per la loro complessità scientifica e per il rapporto rischio/beneficio nel singolo individuo, ma anche per le loro implicazioni politiche.

Il Dr. Roberto Gava, medico farmacologo-tossicologo clinico che studia gli effetti dei vaccini sulla popolazione da più di vent'anni, sostiene con fermezza la necessità di una terapia vaccinale personalizzata.

In questo libro l'Autore sviscera l'argomento vaccinale alla luce della sua conoscenza ed esperienza, mantenendo un linguaggio semplice e facilmente comprensibile anche dai non-medici.

Lo scopo è fornire una visione scientifica e obiettiva delle vaccinazioni, cercando di rispondere alle domande che ogni genitore si può porre, come ad esempio: 
• Oggi, in Italia, i vaccini sono utili per mio figlio?
• I vaccini sono innocui per mio figlio?
• Un bambino non vaccinato è un pericolo per la comunità d'oggi?
• Un bambino non vaccinato gode di una salute globale maggiore di uno vaccinato? 
• Quali sono i vaccini più importanti, a che età e come potrebbero essere inoculati?
• Le vaccinazioni pediatriche di massa stanno spostando le patologie infettive agli adulti? 
• Quali sono le condizioni di mio figlio che mi potrebbero consigliare di rinviare le vaccinazioni?
• Quali sono i primi segnali di un possibile danno vaccinale?

Questi e molti altri dubbi troveranno risposta in queste pagine, ricche di contenuti e di spunti che sapranno soddisfare anche il Lettore più esigente per farlo crescere gradualmente in conoscenza e consapevolezza, due fondamenti essenziali per mantenere o riconquistare la salute nostra e dei nostri figli.

 

Indice Generale

Introduzione alla quarta edizione
Ringraziamenti
Glossario
Sezione I - LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE INFETTIVE
Capitolo 1 - Cenni di fisiologia neonatale
1 - Immaturità immunitaria del neonato
2 - Scarsa produzione anticorpale del neonato
3 - Importanza del latte materno
4 - Importanza dell'apparato digerente
5 - Importanza del contatto con i germi
6 - Utilità delle malattie infettive pediatriche
7 - Perché ci ammaliamo?
Capitolo 2 - Cenni di immunologia generale
1 - Principali tipi di difesa immunitaria
a - Immunità innata, naturale o aspecifica
b - Immunità acquisita, adattativa o specifica
2 - I due principali tipi di difesa linfocitaria
a - Immunità cellulare
b - Immunità umorale o anticorpale
3 - Le cellule immunitarie
a - Tipi di cellule immunitarie
b - Sottopopolazioni di linfociti T
c - Modalità di innesco del sistema immunitario
d - Sistema immunitario regolatore Th3
4 - Equilibrio del sistema immunitario
5 - Relazioni tra sistema immunitario, sistema redox e attività mitocondriale
6 - Condizioni immunosquilibranti la fisiologia pediatrica
7 - Alcune riflessioni sul razionale immunologico dei vaccini
Capitolo 3 - Prevenzione aspecifica delle patologie infettive
1 - Importanza della Medicina Preventiva
2 - Importanza della personalizzazione di ogni intervento sanitario
3 - Scelta di un trattamento preventivo
4 - Attivazione delle difese aspecifiche
Consigli pratici per attivare le difese aspecifiche
5 - Importanza della personalizzazione dell'intervento  vaccinale
Capitolo 4 - Prevenzione specifica delle patologie infettive
1 - Sieri immuni
2 - Immunoglobuline
3 - Vaccini
4 - Tipi di vaccini
a - Vaccini costituiti da sospensioni di microrganismi vivi ma attenuati
b - Vaccini costituiti da sospensioni di microrganismi uccisi o inattivati
c - Vaccini costituiti da prodotti dei microrganismi
d - Vaccini costituiti da frazioni di microrganismi
e - Vaccini ottenuti con tecniche di ingegneria genetica
f - Vaccini polivalenti
5 - Il problema della quantità dell'antigene vaccinale
6 - Breve storia delle prime vaccinazioni
7 - Cronologia sintetica di alcuni aspetti della storia dei vaccini
Sezione II - LE PATOLOGIE PEDIATRICHE E LE LORO VACCINAZIONI
Capitolo 5 - Caratteristiche delle patologie infettive prevenibili con le vaccinazioni
1 - Difterite
a - Incidenza
b - Vaccino
2 - Epatiti virali
a - Epatite A
b - Epatite B
c - Epatite C
3 - Influenza
a - Epidemie influenzali
b - Mortalità per influenza e per le sue complicanze
c - Vaccino
d - Quali evidenze per una vaccinazione antinfluenzale pediatrica di massa?
4 - Meningiti
a - Premessa sulle meningiti
b - Meningite da Pneumococco (Streptococcus pneumoniae)
c - Meningite da Meningococco (Neisseria meningitidis)
d - Meningite da Emofilo di tipo B (Haemophilus influenzae tipo B)
e - Percezione del rischio di meningite
5 - Morbillo
a - Immunodepressione da morbillo
b - Complicanze
c - Incidenza
d - Vaccino
6 - Papillomavirus
a - Incidenza
b - Vaccino
7 - Parotite
a - Incidenza
b - Vaccino
8 - Pertosse
a - Incidenza
b - Vaccino
9 - Poliomielite
a - Incidenza
b - Vaccino
10 - Rosolia
a - Rosolia e gravidanza
b - Incidenza
c - Vaccino
11 - Rotavirus
a - Incidenza
b - Vaccino
12 - Tetano
a - Incidenza
b - Vaccino
13 - Tubercolosi
a - Incidenza
b - Vaccino
14 - Vaiolo
a - I dati inglesi
b - I dati tedeschi
c - L'esperienza indiana
d - I dati italiani
e - Conservare o distruggere i ceppi di virus congelati?
f - L'OMS riconosce che il vaiolo non è stato sconfitto dal vaccino
g - L'insegnamento da trarre dalla vaccinazione antivaiolosa
15 - Varicella
a - Incidenza
b - Vaccino
Capitolo 6 - Calendario delle vaccinazioni
1 - Obbligatorietà delle vaccinazioni pediatriche
a - Alcuni consigli del Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale 2017-2019 per i soggetti ad alto rischio
b - La legge italiana del 2017 sulla obbligatorietà vaccinale
c - Manifesto europeo contro le vaccinazioni obbligatorie
2 - Vaccini commercializzati in Italia
3 - Criticità del calendario vaccinale
4 - Vaccinazioni per l'adulto
a - Vaccinazioni obbligatorie
b - Vaccinazioni raccomandate
5 - Vaccinazioni per soggetti a rischio per esposizione professionale
a - Vaccinazione antiepatite A
b - Vaccinazione antiepatite B
c - Vaccinazione antinfluenzale
d - Vaccinazione antimeningoencefalitica da zecca (TBE)
e - Vaccinazione antimorbillosa-antiparotitica-antirosolia (antiMPR)
f - Vaccinazione antipertossica (antiDTPa)
g - Vaccinazione antirabbica
h - Vaccinazione antitubercolare (BCG)
i - Vaccinazione antivaricella
6 - Come comportarsi se non si può rispettare il calendario vaccinale?
7 - Le vaccinazioni sono gratuite?
8 - A chi richiedere sieri, vaccini o farmaci non commercializzati in Italia?
a - Disponibilità del vaccino antimorbilloso singolo
b - Disponibilità di altri vaccini singoli
Capitolo 7 - Controindicazioni alle vaccinazioni pediatriche
1 - Controindicazioni alle vaccinazioni riconosciute dal mondo scientifico
2 - Condizioni patologiche non considerate vere controindicazioni
3 - Come si accerta una controindicazione alle vaccinazioni?
4 - Controindicazioni riconosciute dall'Istituto Superiore di Sanità
5 - Cosa fanno gli altri Stati in materia di esonero dai vaccini?
Sezione III - DANNI DA VACCINI
Capitolo 8 - GENERALITÀ SUI DANNI DA VACCINI
1 - Definizione di reazione avversa ad una vaccinazione
2 - Considerazioni generali sui danni da vaccini
3 - Cenni generali di fisiopatologia del danno vaccinale
a - La predisposizione genetica è importante, ma non è tutto
b - Importanza del ciclo della metilazione
c - Importanza del glutatione
d - Vaccini e infiammazione
e - Vaccini e sistema nervoso centrale
4 - Danni vaccinali a breve termine
5 - Danni vaccinali a lungo termine
a - Patologie allergiche
b - Patologie infettive da ceppi vaccino-resistenti
c - Cronicizzazioni di patologie in atto o a cui la persona è predisposta
d - Patologie autoimmuni
e - Altri danni cerebrali cronici
f - Tumori, leucemie, linfomi
g - Mortalità da vaccini
6 - Effetto sinergico tra danni vaccinali e altre patologie presenti o latenti
7 - In conclusione, i vaccini sono innocui?
Capitolo 9 - Danni da componenti biologiche dei vaccini
1 - Reazioni avverse da vaccino antidifterico
2 - Reazioni avverse da vaccino antiemofilo B
3 - Reazioni avverse da vaccino antiepatitico B
Patologie demielinizzanti
4 - Reazioni avverse da vaccino antinfluenzale
a - Problemi associati al vaccino antinfluenzale
b - Mortalità da vaccino antinfluenzale
c - Un caso di frode vaccinale
5 - Reazioni avverse da vaccino antimeningococcico  gruppo B e C
6 - Reazioni avverse da vaccino antimorbilloso
7 - Reazioni avverse da vaccino trivalente contro Morbillo-Parotite-Rosolia
8 - Il vaccino contro Morbillo-Parotite-Rosolia e l'autismo
a - Definizione di disturbo dello spettro autistico
b - Un po' di storia
c - Cenni di fisiopatologia
d - Nozioni epidemiologiche
e - Alcune possibili cause del disturbo dello spettro autistico
f - La vaccinazione antiMPR come attivatrice dell'autoimmunità cerebrale
g - Autismo e vaccino antiMPR: la famosa storia del Dr. Wakefield
h - Il Governo inglese sembra vincere solo la prima battaglia
i - La schiacciante prova dello studio danese del 2004
l - Dodici anni dopo si cerca ancora di distruggere la credibilità del Dr. Wakefield
m - La diatriba sulla relazione tra vaccino antiMPR e autismo
n - Alcuni retroscena del caso Wakefield
o - Un tentativo di conclusione
9 - Reazioni avverse da vaccino antipapillomavirus
10 - Reazioni avverse da vaccino antiparotitico
a - Diabete mellito insulino-dipendente di tipo I
b - Meningite asettica
c - Scarso effetto protettivo della vaccinazione antiparotitica
11 - Reazioni avverse da vaccino antipertossico
12 - Reazioni avverse da vaccino antipneumococcico
13 - Reazioni avverse da vaccino antipoliomielitico
a - Poliomielite da virus vaccinale: dati esteri
b - Poliomielite da virus vaccinale: dati italiani
c - Conseguenze di nuove campagne di vaccinazione di massa con il vaccino di Sabin
d - Gli USA aboliscono il vaccino di Sabin
e - Frequenza della paralisi flaccida da vaccino di Sabin
f - Cambiare o abolire la vaccinazione antipolio?
14 - Reazioni avverse da vaccino antirosolia
15 - Reazioni avverse da vaccino antirotavirus
16 - Reazioni avverse da vaccino antitetanico
17 - Reazioni avverse da vaccino antitubercolare
18 - Reazioni avverse da vaccino antivaioloso
19 - Reazioni avverse da vaccino antivaricella
20 - Danni da vaccini contaminati da DNA umano
Capitolo 10 - Danni da sregolazione immunitaria
1 - Danno immunitario dei vaccini
2 - Conseguenze patologiche dello squilibrio tra le reazioni di tipo 1 e tipo 2
3 - La crescita della patologia cronica
I vaccini possono anche sregolare il sistema immunitario
4 - Danni di una vaccinazione di massa
Danni di una vaccinazione di massa durante una nuova pandemia
5 - Bambini a rischio di danno vaccinale
Danni da vaccini in bambini prematuri
6 - Danni da vaccini polivalenti
a - Danni tossicologici
b - Danni da interazione tra vaccini
c - Danni immunitari
Capitolo 11 - DANNI DA COMPONENTI TOSSICOLOGICHE DEI VACCINI
1 - Danni da mercurio
a - Un po' di storia
b - Cenni sulla tossicità dei sali di mercurio
c - Cancerogenicità del mercurio
d - Livelli di sicurezza
e - Il mercurio contenuto nei vaccini
f - Danni clinici del mercurio
g - Mercurio e autismo
h - Vaccini senza mercurio
i - Cosa si fa di concreto per abolire il mercurio?
2 - Danni da alluminio
a - Un po' di storia
b - Tossicità dell'alluminio
c - Livelli di sicurezza
d - L'alluminio contenuto nei vaccini
e - Consigli pratici per evitare l'intossicazione di alluminio
3 - Vaccini senza metalli?
4 - Altre sostanze pericolose contenute nei vaccini
a - Proteine animali
b - Formaldeide
c - Fenossietanolo
d - Emoderivati di origine animale
e - Metalli e altri minerali in micro e nanoparticelle
5 - Altri adiuvanti
Capitolo 12 - Riconoscimento del danno da vaccino
1 - Alcuni dati statistici sui danni da vaccini
2 - Se i vaccini possono anche essere dannosi, perché non lo si riconosce?
3 - Encefalite o encefalopatia?
a - Segni dell'encefalopatia post-vaccinica
b - Segni dell'encefalite post-vaccinica
4 - Difficoltà di porre una diagnosi certa di danno vaccinale
5 - Difficoltà ad accettare la diagnosi di patologia post-vaccinica
Capitolo 13 - Indennizzo per danno da vaccino
1 - La Legge italiana per l'indennizzo dei danni vaccinali
2 - È difficile vedersi riconosciuto un indennizzo
3 - Criteri per l'accettazione dei danni da vaccino
La Corte di Giustizia di Bruxelles riconosce i danni da vaccino
4 - Qualche idea per difendere la relazione tra vaccini e danno neonatale
Capitolo 14 - Esami di laboratorio per il periodo pre- e post-vaccinale
1 - Il razionale dello studio laboratoristico pre- e post-vaccinale
2 - Lo studio ematochimico pre-vaccinale
a - Non esiste un test pre-vaccinale per riconoscere con certezza i soggetti a rischio
b - Esami “ragionati” da eseguire prima di una vaccinazione
c - Verso una personalizzazione genetica delle vaccinazioni?
3 - Lo studio ematochimico post-vaccinale
Esami “ragionati” da eseguire dopo una vaccinazione ad alto rischio
Capitolo 15 - Stato dell'informazione sui danni da vaccino
1 - Il dovere di informare le persone
2 - Il senso del consenso informato
3 - Si può ipotizzare che sui danni vaccinali ci sia una cattiva informazione?
4 - Perché non vengono diffuse maggiori informazioni?
5 - Ogni scusa è buona per promuovere le vaccinazioni
6 - Qualche confronto statistico-epidemiologico tra “urgenza” vaccinale e vere emergenze sanitarie
7 - Segnalazione di sospetta reazione avversa
8 - Scheda AIFA di segnalazione di sospetta reazione avversa
Sezione IV - QUELLO CHE NON VIENE DETTO SUI VACCINI
Capitolo 16 - Sono stati i vaccini a vincere la battaglia contro le malattie infettive?
1 - Andamento delle patologie infettive negli ultimi cento anni
2 - Perché sono scomparse le epidemie del passato?
3 - Le vere cause della diminuzione delle malattie infettive
Capitolo 17 - Efficacia e fallimento delle vaccinazioni
1 - Immunità di gregge
a - Importanza delle definizioni
b - Importanza dell'immunità di gregge
c - Come si genera l'immunità di gregge
d - Come si calcola l'immunità di gregge
e - L'immunità di gregge fornita dai principali vaccini
f - Alcuni problemi ancora aperti inerenti l'immunità di gregge
2 - Importanza delle coperture vaccinali
a - Le elevate coperture vaccinali antipolio non eliminano la patologia
b - Altri dati sui Paesi poveri colpiti dalla polio
c - Epidemiologia di alcune patologie infettive in alcuni Paesi industrializzati
d - Le coperture vaccinali contro il morbillo in Italia
e - Quanto durano le coperture vaccinali?
f - Si vuole spaventare e creare allarme?
3 - Protezione fornita dai vaccini e affidabilità del dosaggio anticorpale
4 - Utilità delle vaccinazioni oggi
5 - Fallimento dei vaccini
a - Benefici e rischi dei vaccini a virus vivi
b - Il problema dei virus a RNA
6 - Quanti vaccini può sopportare un bambino?
7 - Un soggetto vaccinato può infettare uno non vaccinato
8 - Vaccinato non significa immunizzato
a - Il problema di coloro che non rispondono alle vaccinazioni
b - I “non responders” vanno considerati come i non vaccinati
c - Utilità del dosaggio anticorpale nei vaccinati
9 - Non vaccinato non significa un pericolo per gli altri
10 - Il problema di coloro che non possono essere vaccinati
11 - Un soggetto già immunizzato non va vaccinato
a - Significato e danni dell'iperimmunizzazione
b - Iperimmunizzazione da vaccini multipli ripetuti
c - Iperimmunizzazione da vaccino antitetanico
12 - Differenze tra bambini vaccinati e non vaccinati
13 - Gli extracomunitari non portano patologie che richiedono la nostra vaccinazione
14 - Le epidemie infettive del passato non torneranno spontaneamente
L'esperienza attuale della peste bubbonica
15 - Cosa potrebbe accadere in un futuro molto vicino
Capitolo 18 - Rapporto rischio/beneficio dei vaccini
1 - L'apparato internazionale di vaccinovigilanza
2 - Scarsa registrazione degli effetti indesiderati
3 - Scarsa attendibilità dei dati di vaccinovigilanza
4 - Vaccini ritirati dal commercio
5 - Il Forum europeo per la vigilanza sui vaccini
a - Alcuni dati emersi
b - Reazioni avverse riscontrate
c - Tipi di vaccino e patologie correlate
d - Intervallo di tempo intercorso prima della scomparsa dei sintomi
Capitolo 19 - La ricerca nel campo dei vaccini
1 - I vaccini vengono sperimentati prima di essere commercializzati?
a - I vaccini sembrano innocui perché non vengono sperimentati?
b - Affidabilità del VAERS
c - I vaccini non vengono studiati come gli altri farmaci
2 - Le richieste dell'Agenzia Europea per i Farmaci
Test pre-clinici
3 - Note sugli studi farmaceutici e biologici dei vaccini polivalenti
4 - Studi pre-clinici per adiuvanti, conservanti e altre sostanze
Capitolo 20 - Quando gli interessi economici hanno il sopravvento
1 - Conflitti di interesse nella scienza medica attuale
2 - Alcuni “giochi” degli Autori degli studi scientifici: l'antiscienza nella Scienza
3 - Alcuni “giochi” dell'Industria Farmaceutica
4 - Conflitti di interesse nel mondo dei vaccini pediatrici
a - I vaccini sono diventati il motore dell'Industria Farmaceutica
b - Conflitti di interesse nella stesura del Piano Vaccinale Nazionale?
c - Conflitti di interesse coinvolgenti gli organi di comunicazione sociale
5 - Seminare la paura per raccogliere nuovi guadagni dalle persone sane?
a - Mucca Pazza
b - SARS
c - Influenza aviaria
d - Influenza suina
e - Epidemia di meningite in Toscana e di morbillo in Italia
6 - Usi impropri dei vaccini
7 - Vaccinare tutti a qualsiasi costo
a - Vaccinazione degli adulti
b - Quali conseguenze avrà la vaccinazione massiva degli adulti?
Capitolo 21 - FARMACOECONOMIA DEI VACCINI PEDIATRICI
1 - Perché dal 2003 è stata imposta l'Esavalente?
2 - Costi dei vaccini in Italia
3 - Il cambiamento del mercato italiano dei vaccini
4 - Perché pagare i medici per incentivarli a vaccinare?
Sezione V - PROBLEMI ANCORA APERTI E CONSIGLI PRATICI
Capitolo 22 - FIDUCIA E SFIDUCIA NELLE VACCINAZIONI
1 - Ridotta fiducia nelle Autorità Sanitarie
Una analisi autocritica e una proposta di “cura”
2 - Ridotta fiducia nella pratica vaccinale di massa
a - Chi influenza i genitori a prendere una decisione?
b - I genitori critici verso i vaccini sono persone informate e aggiornate
c - Una sintesi delle cause della sfiducia
3 - Cosa dovrebbero chiedere i genitori ai medici vaccinatori?
4 - Come risponderei ai quesiti dei genitori
5 - Come potrebbero cambiare le campagne vaccinali?
Progetto Signum: un esempio di dimostrazione di danno vaccinale e una proposta per migliorare le vaccinazioni dei militari
6 - Comunicazione e personalizzazione: gli obiettivi dei Dipartimenti di Prevenzione delle ASL
7 - I pilastri di una corretta profilassi vaccinale
8 - Cosa fanno le Industrie Farmaceutiche?
9 - Gli altri Paesi europei hanno vaccini obbligatori?
Capitolo 23 - Cosa potrebbe fare chi desidera vaccinare
1 - Perché ritardare le vaccinazioni neonatali?
2 - Condizioni che possono predisporre ad eventi avversi gravi
3 - Cosa fare prima di una vaccinazione
4 - Cosa fare dopo una vaccinazione
5 - Quando effettuare un richiamo vaccinale
6 - Prima di un richiamo vaccinale dosare gli anticorpi specifici
7 - Evitare la ripetizione ravvicinata delle vaccinazioni
8 - Consigli per ridurre i danni da vaccino
Capitolo 24 - Cosa fare se si ritiene che non si possa vaccinare
1 - Premessa
2 - Studiare bene il bambino che non si vorrebbe vaccinare
Regola d'oro per il medico che visita un bambino
3 - Dosare gli anticorpi specifici plasmatici nei non vaccinati
4 - Le vaccinazioni già iniziate possono essere sospese?
5 - Ci sono pericoli per i bambini non vaccinati che vengono a contato con i vaccinati?
6 - E se nel frattempo il bambino si trova esposto ad una infezione contro cui poteva essere stato vaccinato?
7 - Cosa deve fare chi è indeciso se vaccinare o meno il proprio figlio?
Capitolo 25 - Consigli per chi viaggia
1 - A chi ci si deve rivolgere per la profilassi internazionale?
2 - Quando è necessario vaccinarsi o rivaccinarsi andando all'estero?
Capitolo 26 - Esistono alternative ai vaccini?
1 - L'esperienza cubana
2 - Il contributo omeopatico
La presa di posizione delle Associazioni omeopatiche in tema vaccinale
Sezione VI - CONSIDERAZIONI FINALI
Capitolo 27 - CONSIGLI FINALI DI UN FARMACOLOGO CLINICO
1 - Una piccola sintesi
2 - Alcuni interrogativi chiave
3 - Alcune proposte per stimolare una riflessione
4 - Quali vaccini considerare e quando considerarli?
Capitolo 28 - Capitolo conclusivo
1 - La questione morale in Medicina
2 - Appello ai Medici
3 - Appello al Lettore-Genitore

Principali fonti bibliografiche consultate
Libri
Siti Internet
Altri riferimenti scientifici per eventuali approfondimenti
Bibliografia citata nel testo

 

Introduzione Dr. Roberto Gava

"...desidero sia chiaro che io non sono un anti-vaccinista: in un modo o nell'altro, i vaccini hanno portato dei grandi benefici, ma … presentano anche dei pericoli"
"I pericoli relativi ad ogni procedura vaccinale dovrebbero essere un deterrente per il loro non-necessario o non-giustificabile utilizzo"
G. Wilson

(Sir Graham Wilson (Lettore Onorario presso il Dipartimento di Batteriologia della Scuola di Igiene e Medicina Tropicale di Londra, Direttore del Public Health Service di Inghilterra e Galles; è stato considerato il più illustre batteriologo del XX secolo), The Hazard of Vaccinations. Athlone Press, 1967, pagg. 289 e 282)

 

Condivido pienamente queste parole del Prof. Wilson, perché conosciamo tutti l'importanza delle vaccinazioni e sono convinto che non può esistere un medico che le sconsigli di principio, come non può esistere un medico che sconsigli di principio gli antibiotici o qualsiasi altro farmaco.

Il problema tuttora molto discusso nella letteratura scientifica non è infatti l'accettazione o meno dei vaccini, ma in quale modo debbano essere somministrati per ridurre al minimo il loro rapporto rischio/beneficio, dato che i vaccini sono farmaci e come tali sono dotati pure di effetti indesiderati, di non indicazioni e di controindicazioni.

Pertanto, oggi la discussione non è tra "Vaccini Sì" e "Vaccini No", bensì nell'accettazione o meno che i vaccini possano causare anche gravi danni, specie quando vengono inoculati in grande numero e in bambini molto piccoli. In conseguenza di ciò si continua a discutere a livello scientifico su come si debbano praticare le vaccinazioni per ridurre al minimo i loro rischi.

Nonostante il problema non sia di facile soluzione, perché coinvolge problematiche, oltre che scientifiche, anche organizzative, economiche e addirittura etiche, non c'è dubbio che, come avviene per ogni intervento sanitario, l'approccio decisionale più corretto sarebbe quello di una stretta personalizzazione di questa profilassi.

Infatti, solo con la personalizzazione di ogni intervento medico si può ottenere il maggior beneficio con il minimo danno.

Però pare che per i vaccini la realtà attuale sia molto diversa, ma non per qualche loro particolarità intrinseca, bensì perché le vaccinazioni di massa hanno anche implicazioni politiche.
Comunque, lasciando da parte le questioni politiche e lasciando da parte anche approfondimenti più tecnici della questione vaccinale, questo libro desidera contribuire a far conoscere le attuali acquisizioni scientifiche inerenti questo delicato problema delle vaccinazioni, che mi pare stia diventando tutt'altro che irrilevante per la salute dei nostri figli.

Il mio scopo è quello di estendere il fronte della divulgazione su questo argomento avvisando che le vaccinazioni possono anche far correre qualche pericolo ai vaccinati e alle loro famiglie, in modo da controbilanciare l'esagerata facciata ottimistica che ci viene presentata da alcuni medici e da alcuni Servizi di Igiene e Sanità Pubblica, così da fornire al Lettore qualche elemento in più per poter poi decidere responsabilmente, consapevolmente e liberamente se, quando e come vaccinare i propri figli.

In queste pagine ho quindi cercato di riportare quello che la letteratura medica, che io in coscienza considero più seria e più indipendente, ha scritto sui vaccini e sui pericoli ad essi connessi. Per questo infatti ho riportato e commentato nel testo più di 2.200 riferimenti bibliografici.

Anche se le relative spiegazioni e documentazioni si troveranno nel prosieguo della lettura, mi permetto di anticipare fin da subito le conclusioni principali di questi studi, che si possono sommariamente riassumere nei seguenti punti:
Non è discutibile l'importanza delle vaccinazioni (sia pediatriche che dell'adulto) come strumento protettivo da utilizzare individualmente nei soggetti ad alto rischio di ammalarsi di malattie per loro pericolose e oggi prevenibili con questa tecnica, oppure da utilizzare anche come profilassi di massa nel caso di gravi epidemie che determinano una vera emergenza sanitaria.
Altrettanto indiscutibile è il fatto che la mortalità e la morbilità di tutte le malattie infettive è drasticamente calata molti anni prima che i vaccini o gli antibiotici venissero impiegati e questo è avvenuto grazie alle migliorate condizioni igieniche, culturali ed economiche della popolazione.
Non è vero che il vaiolo è stato sconfitto dalla vaccinazione antivaiolosa di massa, perché questa ha anche fatto ammalare di vaiolo molti vaccinati, che a loro volta trasmettevano l'infezione. Infatti, negli anni '70 l'OMS ha rinunciato alla vaccinazione di massa incontrollata e ha dato più importanza ad una precisa vigilanza, un corretto isolamento dei malati, la quarantena delle persone infette, la disinfezione di tutti gli oggetti entrati in contatto con i malati, ecc. In quel modo fu possibile far debellare il vaiolo e, con le medesime precauzioni e senza un vaccino, nel 2014 è stata contenuta l'infezione di ebola da alcuni Paesi africani!
Ogni valutazione vaccinale va adattata al Paese in cui la si vuole attuare, perché non si possono estendere ad altri le conclusioni accettabili per uno Stato, specialmente quando popolazioni diverse vivono in condizioni alimentari, igieniche, economiche, sanitarie, sociali e politiche molto diverse. Infatti, resta indubbio che è completamente diverso vaccinare un bambino che vive in una società in cui c'è un elevato rischio di ammalarsi di una specifica patologia infettiva, rispetto ad uno che vive in un ambiente a bassa morbilità per la stessa.
Prima di proporre una vaccinazione contro una certa patologia infettiva, bisogna conoscere molto bene la prevalenza e le complicazioni di quella patologia nella popolazione che si vorrebbe vaccinare e si devono conoscere bene anche i rischi che il vaccino può causare.
- In ogni caso, i piani vaccinali che potevano essere giustificati per il nostro Paese nel secolo scorso non sono più accettabili al giorno d'oggi, dato che le attuali condizioni di vita (alimentari, ambientali, sociali, economiche, culturali, ecc.) hanno profondamente modificato il rischio non solo di contrarre certe patologie infettive, ma anche di subire molte delle loro complicazioni. Pertanto, quello che una volta era un rapporto rischio/beneficio molto basso e quindi più a favore della pratica vaccinale, oggi è andato lentamente crescendo verso valori sempre più alti, con il risultato che alcune vaccinazioni parrebbero oggi inutili o comunque indicate solo in certe particolari condizioni di rischio. 
La letteratura scientifica non dice che i vaccini sono innocui, non potrebbe mai affermarlo, perché i vaccini sono farmaci e non esiste un farmaco innocuo, specie quando viene somministrato indiscriminatamente a tutta la popolazione senza una selezione personalizzata dei riceventi.
Non esiste una vaccinazione che garantisca l'immunità assoluta nei confronti della patologia verso cui si vaccina, sia perché si possono ammalare di quella patologia anche soggetti con elevati titoli anticorpali (evento però raro), sia perché una minoranza non trascurabile di vaccinati non risponde con l'aumento del titolo anticorpale specifico, sia perché coloro che vengono vaccinati con virus vivi attenuati tendono a diffondere tali virus nell'ambiente. Ne consegue che anche un vaccinato può ammalarsi e trasmettere quella stessa patologia che si voleva evitare vaccinandolo, ma può anche essere un portatore sano.
Di conseguenza, non è vero che solo i bambini non vaccinati possono trasmettere le patologie infettive, perché oltre ad alcuni soggetti vaccinati, lo possono fare anche la maggior parte degli adulti (che non sono mai stati vaccinati o che hanno già perso la protezione vaccinale).
In Italia non c'è stata alcuna emergenza sanitaria dagli anni 2000 in poi e non rappresentavano un'epidemia neppure i pochi casi di meningite in Toscana degli anni 2015-2016 e di morbillo degli anni 2016-2017, ma il far parlare quotidianamente i media per molti mesi di alcuni casi di meningite e di morbillo ha influito a creare uno stato di paura e di allarme tra la popolazione.
Non è vero che è necessario vaccinare il 95% della popolazione per cercare di avere i benefici dell'immunità di gregge, dato che le vere percentuali (solo teoricamente protettive) sono stime orientative che provengono principalmente da modelli matematici e in ogni caso variano da germe a germe e da Stato a Stato. Ad esempio, mentre il vaccino contro il morbillo può fornire un certo grado di immunità di gregge se si vaccina il 95% della popolazione, quello contro la pertosse non fornisce alcuna protezione a livello di popolazione, dato che non blocca la trasmissione dell'infezione, e lo stesso vale per i vaccini contro influenza, difterite, poliomielite (di Salk a virus uccisi) e ovviamente vale per quelli contro tetano ed epatite B, mentre la protezione è ancora molto dubbia per i vaccini contro i meningococchi B e C.
È irrealistica e priva di ogni dimostrazione scientifica l'ipotesi che se calassero le coperture vaccinali di pochi punti percentuali ricomparirebbero le epidemie del passato come la difterite e la poliomielite. Queste affermazioni servono solo a spaventare coloro che ignorano i dati scientifici.
- Per contro, abbiamo dati sufficienti per ritenere che le infezioni pediatriche, quando affrontate da un organismo fisiologicamente sano, siano anche utili per un'adeguata maturazione del sistema immunitario, dato che quest'ultimo, dopo averle superate, resta più rafforzato, sia in generale che ovviamente verso l'infezione specifica nei confronti della quale spesso gli resta una immunità molto più duratura di quella vaccinale.
- Infatti, è un dato di fatto che i bambini non vaccinati o quelli vaccinati con pochi vaccini appaiono globalmente più sani, meno soggetti alle patologie infettive, specie delle prime vie aeree, meno soggetti ai disturbi intestinali e alle patologie croniche, meno soggetti a patologie neurologiche e comportamentali e scarsi consumatori di farmaci e di interventi sanitari.
- Pertanto è necessario chiedersi se le vaccinazioni di massa attualmente in uso nel nostro Paese sia corretta o se non sia ora più saggio pensare di potenziare anzitutto e soprattutto l'immunità aspecifica (invece di limitarsi a promuovere tout court quella specifica) riservando la protezione vaccinale a tutti i soggetti ad elevato rischio.
- Compito della Medicina è aiutare il bambino affinché cresca sano, forte e immunologicamente capace di affrontare non solo una decina di patologie infettive, ma "TUTTE": sia quelle che oggi conosciamo, sia quelle che si svilupperanno in futuro. Ciò si ottiene insegnando ai genitori una corretta igiene di vita, usando finché è possibile i medicamenti non farmacologici e ricorrendo a quelli chimici in selezionate e particolari condizioni. Anche i vaccini, quindi, sono utili, ma non vanno certamente imposti a tutti e meno ancora vanno eseguiti in gran numero in bambini piccoli. Lo ripeto: in una Medicina veramente Moderna ogni trattamento può essere accettato solo se viene personalizzato!

In conclusione, i vaccini sono uno dei tanti strumenti meravigliosi che la Medicina Moderna ha messo nelle nostre mani e che ci hanno permesso di evitare molte complicazioni gravi di alcune malattie infettive e in taluni casi anche alcune morti.

Oggi però, purtroppo, le vaccinazioni sono anche oggetto di speculazioni, perché oltre ad essere un bene sociale sono diventate una grande occasione di guadagno per l'Industria Farmaceutica, che preme affinché vengano utilizzate da tutta la popolazione.
L'8 settembre 2006, nella Prefazione alla prima edizione di questo libro avevo scritto:
"Invito il Lettore a riflettere sull'argomento vaccinale, perché alla fine, prima o poi, dovrà scegliere da che parte stare, dato che tra poco l'Industria Farmaceutica, facendo leva probabilmente su ragionamenti speculativi ed emotivi, agirà sui Governi affinché PROPONGANO ANCHE A LUI DI VACCINARSI".
Oggi, anche alla luce della legge 119/2017, ribadisco questo concetto, perché la vaccinazione di massa dei bambini sposta inevitabilmente le patologie infettive all'età adulta ed è molto verosimile che questo intervento avrà molte conseguenze spiacevoli.

Ricordo che sono un farmacologo e tossicologo clinico abituato a verificare le novità in campo sanitario e che negli ultimi trent'anni ha studiato a lungo sia questo argomento sia i suoi pazienti vaccinati e non vaccinati. Pertanto, in questo libro ho cercato di riportare, separandoli chiaramente, sia i dati scientifici (ben evidenziati dai richiami bibliografici) sia le mie riflessioni e deduzioni esperienziali.

Sappiamo tutti che nella ricerca della verità tutto è in continuo mutamento e se questo è anche il destino della Scienza Medica, infinitamente di più lo è del mio pensiero che, in campo vaccinale, considero fin d'ora perfettibile e modificabile in base al cambiamento della realtà infettiva e delle necessità della popolazione italiana. Auspico solo che lo sforzo con cui ho cercato di fare il punto su questo delicato argomento rappresenti un'utile occasione di riflessione per il Lettore.

A me interessava essenzialmente tradurre in linguaggio semplice e comprensibile gli aspetti più importanti delle vaccinazioni in modo che chi legge possa avere l'occasione di crescere in conoscenza e consapevolezza: sono questi i due pilastri portanti della Medicina Preventiva e più globalmente della nostra Salute.

Il Cielo ci aiuti allora a capire ciò che è buono, giusto e vantaggioso per noi e per i nostri figli.

Padova, 13 maggio 2018

 

Dr. Roberto Gava

L'Alimentazione che può prevenire e curare le nostre malattie - seconda edizione di Roberto Gava

Roberto Gava

Sono convinto che non esista una dieta universale valida sempre e per tutti, ma esistono invece alcune regole alimentari generali che, una volta compresi i fondamenti su cui si basano, permettono a ciascuna persona di costruirsi la propria dieta personalizzata.

La vera dieta, quella che fa bene alla persona, deve essere adattata non solo alla realtà fisiologica, patologica e costituzionale dell'organismo, ma anche alla realtà sociale, lavorativa, familiare e specialmente tossicologica della persona.

Oggi siamo infatti costretti a considerare anche l'aspetto tossicologico dell'ambiente dove si coltivano frutta e verdura e dove vengono allevati gli animali utilizzati a scopo alimentare, per non correre il rischio di seguire una dieta correttamente bilanciata dal punto di vista nutrizionale, ma altamente dannosa dal punto di vista tossicologico.

In queste pagine sono riportate le basi per un modo diverso di alimentarsi, per un nuovo stile comportamentale nel campo nutrizionale, per un insieme indissolubile di Scienza Dietetica, di Arte Medica e di Filosofia di Vita, adattate alla realtà oggettiva (soprattutto tossicologica) dei nostri giorni.

La vera dieta, quella che fa bene, deve variare in base all'evolversi delle conoscenze mediche e della realtà in cui viviamo, ma anche al mutare dei nostri desideri e dei nostri sogni.

È la dieta che cresce con noi e che si adatta a noi per permetterci di fare ciò che facciamo e che desideriamo fare, e per permetterci di essere ciò che siamo e che desideriamo diventare.

Bambini sani oggi € 14,37
Bambini sani oggi di Roberto Gava

Roberto Gava

Crescere il proprio figlio sano e in buona salute è la giusta preoccupazione di ogni genitore, soprattutto al giorno d'oggi che sei chiamato a diventare sempre più partecipe e responsabile del suo percorso evolutivo.

In questo libro, il Dr. Gava ti spiegherà come, attraverso l'uso di alcune precauzioni molto semplici, puoi prevenire o ridurre significativamente le principali malattie dei bambini, specie le patologie delle prime vie respiratorie, le allergie (alimentari e non), le malattie derivanti da squilibri del sistema immunitario e da disturbi del comportamento.

Dopo una prima parte dedicata a fornire alcune informazioni essenziali sull'attuale situazione tossicologica ambientale, nella seconda parte il Dr. Gava ti spiegherà come conoscere e proteggere tuo figlio nelle sue fasi di sviluppo: la gravidanza, il parto, il periodo del suo sviluppo fisiologico e neuro-motorio, durante il suo primo anno di vita e in quelli successivi.

Se imparerai a osservare le caratteristiche più personali di tuo figlio (perché e quando si ammala, ma anche le modalità con cui esprime la malattia) e il suo comportamento psico-fisico, e applicherai queste conoscenze come viene spiegato nel libro, potrai arrivare a conoscerlo e quindi a proteggerlo sempre meglio, perché potrai farlo aiutare con una terapia personalizzata adatta soltanto a lui e capace di rinforzare i suoi veri punti deboli.

La sindrome influenzale in bambini e adulti di Roberto Gava

Roberto Gava

La sindrome influenzale è una patologia ormai comune e con la quale siamo abituati a confrontarci quasi ogni inverno.

Proprio per la sua diffusione, per la sua frequenza e per il fatto di avere all'origine dei virus sempre diversi, l'Industria Farmaceutica ha imparato a sfruttare così bene questa malattia che ogni autunno ci inonda di messaggi pubblicitari su vari farmaci e ovviamente anche sull'immancabile vaccino antinfluenzale.

Nel testo, oltre a parlare delle caratteristiche dell'influenza, si parla di indicazioni, controindicazioni evidenze scientifiche e danni della vaccinazione antinfluenzale, ma si parla anche di come attuare un corretto approccio alle malattie infettive in generale e alla sindrome influenzale in particolare.

Alla fine del testo viene poi dato ampio spazio per il trattamento dell'influenza sia dal punto di vista generale sia dal punto di vista omeopatico e una estesa tabella dei più comuni rimedi omeopatici completa l'intero lavoro.

Le Vaccinazioni Pediatriche di Roberto Gava

Roberto Gava

Le nostre attuali condizioni di vita (alimentari, ambientali, sociali, economiche e culturali) hanno profondamente modificato il rischio non solo di contrarre certe patologie infettive, ma anche di subire le loro complicazioni.
Pertanto, quello che una volta era un rapporto rischio/beneficio basso per i vaccini, e quindi più a favore della pratica vaccinale, oggi è andato lentamente crescendo verso valori sempre più alti, con il risultato che alcune vaccinazioni sembrano oggi inutili e per altre sembra essere molto più pericoloso vaccinare che non farlo.
È ormai indubbio che non si possono più considerare i ben poco rilevanti danni a breve termine dei vaccini, ma quelli gravemente cronicodegenerativi a lungo termine causati da un profondo squilibrio del sistema immunitario.
Dovrebbe essere quindi doveroso per ogni medico porsi il quesito se l’approccio vaccinale attuale di un Paese industrializzato sia corretto o se non sia ora più saggio pensare di potenziare l’immunità aspecifica, invece di quella specifica, impostando eventualmente una scheda vaccinale strettamente individualizzata in base alle caratteristiche personali e sociofamiliari del bambino che tenga anche conto delle più recenti ricerche immunologiche che stanno mettendo in luce aspetti inquietanti per il futuro dei nostri figli.
Questo libro, che è un testo unico ed eccezionale per la ricchezza dei contenuti e per i mille spunti che offre, indica anche la via più corretta per evitare le vaccinazioni e per prevenire o curare i principali danni da vaccini. 


argomenti trattati in
Le vaccinazioni di massa

Maggiori informazioni:

risolvi ogni tuo dubbio inviandoci una email: