Rassegna stampa

Una raccolta dei migliori articoli di giornale sulle pubblicazioni della Nuova Ipsa editore di Palermo

in questa pagina del sito della nostra casa editrice puoi trovare la lista completa di tutti gli articoli dei principali giornali e testate giornalistiche che hanno effettuato le recensioni dei nostri libri

Giornale di Sicilia del 12 novembre 2013
"Così dissi a Totò che non avrebbe più visto"
L’oculista palermitano Giuseppe Cascio, 90 anni, racconta la visita al comico che diventò cieco recitando a Palermo  
 

“Il primo ricordo è emozionante: quando mi hanno portato Totò allo studio di via Meccio, aveva le mani bagnate e gli occhi lucidi. Dopo l’esame è scoppiato a piangere”. L’oculista Giuseppe Cascio ricorda bene quella giornata di 56 anni fa, quando l’attore, a Palermo per la commedia A prescindere al Politeama, corse da lui perché stava diventando cieco. “Dopo l’esame – racconta – comprese che la situazione era grave e tra le lacrime invocò la presenza della madre per confortarlo. E poi ricordò che da bambino la mamma lo teneva per mano e lo portava in chiesa a pregare la Madonna perché lo facesse crescere bene e buono. Mamma, diceva Totò, se fossi ancora qui con me adesso sarei sereno”.

Il professore Cascio, ex docente della clinica oculistica e primario a Villa Sofia, nel giorno dei suoi 90 anni, ha rievocato al pubblico intervenuto a “Fare ambiente” le sue visite a Totò, divenuto cieco. L’occasione è la presentazione del libro di Giuseppe Bagnati, Totò, l’ultimo sipario dove il giornalista palermitano racconta, con particolari inediti, la storia di come l’attore napoletano fu costretto a Palermo, per i problemi di vista, a dire addio definitivamente al teatro.

Il dramma si alterna all’umorismo dell’attore. “Durante la visita – racconta Cascio – quando chiesi al principe De Curtis se soffrisse di altre malattie mi rispose: “C’è una linea retta che divide il mio corpo in due e passa per l’ombelico. Le comunico e le assicuro che tutto ciò che è al di sotto di questa linea è perfettamente funzionante. E rivolgendosi alla compagna Franca Faldini, che lo accompagnava “Dillo pure tu che è così, potrebbero non credermi”.

Cascio disse a Totò che sarebbe stato troppo pericoloso tornare a recitare, avrebbe rischiato una caduta rovinosa. In conseguenza fu annullata l’ultima recita al Politeama di A prescindere e l’intera tournée facendo infuriare l’impresario Remigio Paone. “Il 6 maggio 1956 – ricorda Cascio – la mattina dell’ultima recita, vennero a casa mia due personaggi che mi chiesero di modificare la relazione per permettere a Totò di recitare. Risposi: non è possibile. Quelli dissero che c’erano in ballo 5 milioni d’incasso, lasciando intendere la possibilità di qualcosa per me. Risposi che mi stavano offendendo e che uscissero fuori di casa”.

La malattia era una coroidite essudativa forse conseguenza di una precedente polmonite. L’altro occhio era spento da tempo. “Non volli essere pagato – conclude Cascio – era un onore averlo visitato, ma Totò inviò un regalo per mio figlio Giovanni e diede 5mila lire di mancia al portiere”.

Durante la serata, cui ha partecipato Vincenzo Prestigiacomo, sono stati proiettati spezzoni di film di Totò. Commuove oggi l’immagine dell’episodio Che cosa sono le nuvole, di Pier Paolo Pasolini (1968), in cui Totò è una marionetta gettata in una discarica. E vede, come non poteva più fare, la poesia delle nuvole.

Guido Fiorito

 


 
 
 
 

SPESE DI SPEDIZIONE GRATUITE per i libri Nuova Ipsa Editore


NUOVI METODI DI PAGAMENTO

Apple Pay
paga con il tuo dispositivo Apple tramite il sistema di pagamento sicuro Apple Pay
pagamento con carta di credito apple pay


Carte di Credito
Paga direttamente con la tua carta di credito preferita in modo sicuro e veloce
pagamento con carta di credito visa, amex, mastercard, american express


CARTA DEL DOCENTE seleziona la voce cartadocente come metodo di pagamento e inserisci il codice del buono