Carmela Castiglione

Carmela Castiglione è ricercatrice presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Palermo, dove insegna Storia moderna e Didattica della storia. Sulla storiografia siciliana dell’Ottocento ha curato la trascrizione di alcuni inediti di Michele Amari, i Diari e appunti autobiografici inediti, Edizioni Scientifiche italiane, Napoli 1981 e la Descrizione del cholera di Sicilia, Morano, Napoli 1990. Sullo studioso siciliano oggetto di questa monografia ha pubblicato Pietro Lanza di Scordia e le Considerazioni sulla storia di Sicilia, in “Archivio storico siciliano”, s. IV, vol. XXVIII, 2002

L’opera di Pietro Lanza di Scordia (1807-1855) saggista, storico, pubblicista, si presenta come interessante e, per alcuni aspetti, originale espressione dell’impegno politico e civile di un intellettuale nella Sicilia borbonica. Esponente autorevole e stimato del liberalismo moderato, pretore di Palermo nel 1835-38 e nel 1848, anno in cui, assunto il titolo di principe di Butera, entrò a far parte della Camera dei Pari, ministro nel 1848-49, esule dopo la restaurazione borbonica, Lanza di Scordia unì all’attività politica e di pubblico amministratore la riflessione costante sul passato e soprattutto sul presente dell’isola, esposta in molti dei suoi scritti. Convinto estimatore delle secolari istituzioni siciliane quanto critico attento alle problematiche del tempo, non tralasciò di esercitare attraverso le sue opere quella che riteneva, come molti scrittori in quel periodo, una doverosa azione di incitamento verso gli stessi siciliani e di monito nei confronti del governo borbonico. Sicilianista appassionato, si rivela tuttavia studioso aperto ai ‘tempi’ e alla realtà di stati italiani ed europei più progrediti, riscontrata personalmente nei frequenti viaggi e durante l’esilio, come nei rapporti con esponenti di alto rilievo della cultura, della storiografia e della politica. 

Dall’analisi delle opere e della varia pubblicistica del Lanza di Scordia emergono la personalità culturale e politica, la concezione della storia, l’operosità civile. La monografia propone il profilo di uno studioso sinora trascurato e, insieme, uno spaccato della Sicilia dei primi decenni dell’Ottocento e del rapporto, nella peculiarità che questo assunse nell’isola, fra storiografia e politica, fra intellettuali, società e regime borbonico. 
€ 8,50 € 10
SCONTO DEL 15%