Vanessa Ambrosecchio

Scrittrice e insegnante. Ha pubblicato Cico c’è (Einaudi 2004), il racconto Lunga sulla schiena nel volume fotografico Viaggio d’acqua (Edizioni di passaggio 2008) e racconti in varie antologie tra cui Ragazze che dovresti conoscere (Einaudi 2004), Best off (Minimum fax 2005), Resistenza60 (Fernandel 2005); A occhi aperti (Mondadori 2008). Da allora, “nulla dies sine linea”. Si diverte insegnando nella scuola secondaria di primo grado.
Con il Palindromo ha pubblicato due racconti all’interno delle raccolte Notturni palermitani e Riflessi a Palermo e il romanzo Cosa vedi.

In una Palermo fantapolitica in parte abbandonata, in parte sventrata dalle ruspe del Grande Cantiere che inneggiano alla Città Nuova, non piove e vige da vent'anni una sola stagione, compatta e inalterabile. Nello squallore sinistro della Galleria delle Vittorie sopravvivono gli esercizi commerciali di Hagar, il protagonista, un ex fotografo disilluso, e di Hyppolite, un fioraio francese che ha scelto di vivere e lavorare "in questo futuro deserto". Un misterioso cliente, Aureliano, chiede ad Hagar di sviluppare delle foto che ritraggono una donna morta. Da quel momento, gli sottoporrà settimanalmente altre pellicole nelle quali la donna appare viva e posa per lui. Hagar si lascia sedurre da quel mistero, fino a quando non incontra in carne e ossa la modella di Aureliano: Dana, una giovane immigrata dell'est. In un'atmosfera di crescente minaccia, la vicenda precipita verso un finale in cui, in un caleidoscopico gioco di riflessi qual è quello tra l'arte e il suo oggetto, l'identità di tutti si sdoppia e si contraddice proprio quando ciascuno, lettore incluso, crede di avere afferrato la verità.

€ 11,40 € 12,00
SCONTO DEL 5%

Palermo di notte. Lontana dagli stereotipi sole-luce-scirocco, offerti come benvenuto al visitatore occasionale, mostra un lato oscuro; nelle sue vene nascoste - le arterie della notte - scorre un'energia intermittente, una pulsione di vita e di morte. Una città popolata da ectoplasmi e lavoratori onesti, da sbandati, reietti visionari e cuori infranti. Per dirla con Antonio Tabucchi, "la notte è calda, la notte è lunga, la notte è magnifica per ascoltare storie". Vanessa Ambrosecchio, Giacomo Cacciatore, Gian Mauro Costa, Piergiorgio Di Cara e Massimo Provenza, da notturni o da narratori notturni, raccontano le loro visioni del buio a Palermo, una città in cui la notte è anche condizione dell'anima, talmente nera da avvolgere tutto.

€ 9,50 € 10,00
SCONTO DEL 5%

SPESE DI SPEDIZIONE GRATUITE per i libri Nuova Ipsa Editore



NUOVI METODI DI PAGAMENTO

Apple Pay
paga con il tuo dispositivo Apple tramite il sistema di pagamento sicuro Apple Pay
pagamento con carta di credito apple pay


Carte di Credito
Paga direttamente con la tua carta di credito preferita in modo sicuro e veloce
pagamento con carta di credito visa, amex, mastercard, american express


CARTA DEL DOCENTE seleziona la voce cartadocente come metodo di pagamento e inserisci il codice del buono