Ulrich Strunz - Andreas Jopp

Grassi buoni, grassi cattivi

Scegliere i cibi giusti per mantenere in forma corpo e mente
Grassi buoni, grassi cattivi di Ulrich Strunz

valuta questo libro


ISBN: 978-88-481-1796-8
Edizione 2008, 272 PAGINE

Editore: Tecniche Nuove



€ 19,92    € 24,9

sconto del 20%
risparmi: 4,98
solo 1 copie disponibili in magazzino.

Sostituite il 5% di quanto mangiate in pasta con dei grassi: pensate di aumentare rischio infarto? Sbagliato: la scienza prova il contrario.
Dite “grassi” e pensate a sovrappeso, colesterolo, malattie cardiovascolari. Ma le più recenti ricerche scientifiche confermano che non tutti i grassi sono uguali. Ci sono quelli nocivi, che danneggiano le arterie e aumentano i trigliceridi nel sangue. E ci sono i grassi “buoni”: quelli che vi possono aiutare a ridurre il colesterolo, a diminuire drasticamente la vostra esposizione al rischio di infarto, a contrastare gli effetti delle più svariate malattie infiammatorie e autoimmuni.
Nutrirsi dei grassi sbagliati o assumere grassi in quantità insufficiente sono comportamenti alimentari ugualmente sbagliati.
Con Grassi buoni, grassi cattivi imparerete a riconoscere al volo i lipidi-killer: gli oli preriscaldati, quelli idrogenati, gli acidi trans le margarine da cottura e molti altri che, non di rado, si nascondono dietro le etichette di alimenti apparentemente salutari.
Grazie alle indicazioni del manuale, saprete come sostituire questi antinutrienti con i grassi che fanno bene al cuore, mantengono giovani e aiutano a prevenire le più diffuse malattie.
Dai piccoli segreti, come una spruzzata di semi triturati di lino sull’insalata, alle gustose alternative salutari alla scontata alternativa “carne o formaggio”, ogni pagina di Grassi buoni, grassi cattivi è un invito a mettere in discussione le false certezze del marketing e le abitudini alimentari errate, per scoprire il piacere di sentirsi bene grazie a una dieta gustosa e salutare. 

argomenti trattati in
Grassi buoni, grassi cattivi

Maggiori informazioni:

risolvi ogni tuo dubbio inviandoci una email: